Forum


Voltaggio di Ricari...
 
Notifiche
Cancella tutti

Voltaggio di Ricarica Troppo Basso  

Pagina 3 / 5
  RSS

 Noos
(@noos)
Famed Member Moderator
Registrato: 4 annifa
Post: 4737
06/04/2020 8:24 pm  
Postato da: @lolli_

purtroppo nonostante la vostra perplessità dei Volts si parla del principale venditore energetico italiano nel mercato libero che inizia con E

Poco importa chi sia.......esistono delle norme (vedi quelle citate).......e su quelle non c'è E che tenga.


RispostaQuota
(@lolli_)
Noble Member Moderator
Registrato: 3 annifa
Post: 1561
06/04/2020 9:17 pm  
Postato da: @fedguar

@lolli_
ma hai contratto da 6kw monofase o trifase?

perchè con 6,6 kw in monofase arrivi a 28 massimo 29 ampere.

quindi a 27 sei già al massimo considerata la dispersione 

Sono 6.6 kW in monofase. So che dovrei già essere al massimo con 29A, ma dato che i kW sono calcolati moltiplicando A x V, se i Volts sono più bassi, posso aumentare di più gli Ampere senza far saltare il contatore perchè appunto non raggiungo i 6.6 kW contrattuali. se calcoli 27A x 202V = 5.45 kW  e supponendo di arrivare a 29A con lo stesso voltaggio di 202V, sarebbero 5.85 kW, comunque sotto i 6.6 kW.


RispostaQuota
 Noos
(@noos)
Famed Member Moderator
Registrato: 4 annifa
Post: 4737
06/04/2020 9:24 pm  

A 6kW con tensione monofase 230V la caduta di tensione (cdt)  di un cavo avete sezione 10 mm2 lungo 10 mt e di 0.93V mentre per il cavo da 16 mm2 è di 0.58.

Nel calcolo non ho tenuto conto della reattanza e del cosfi.

Traete le Vs. Conclusioni.


RispostaQuota
 Noos
(@noos)
Famed Member Moderator
Registrato: 4 annifa
Post: 4737
06/04/2020 9:40 pm  

@lolli_

Non proprio, sulla protezione a monte del wal hai un numero preceduto da una C......quello è il limite massimo della corrente (A) che può attraversare la protezione, indipendentemente dalla tensione.


RispostaQuota
(@fedguar)
Trusted Member Owner
Registrato: 5 mesifa
Post: 82
06/04/2020 10:18 pm  

Che è quello che mi ha spiegato il tecnico del distributore.

non si può prendere A senza proporzione ai V.

ecco perché la carica si blocca se A sono troppo alti rispetto ai V.

Detto con le mie parole povere!


RispostaQuota
(@swisselectric)
Prominent Member Owner
Registrato: 3 annifa
Post: 908
06/04/2020 11:04 pm  

@Lolli_ se hai un contatore di quelli digitali, dovresti poter vedere già al contatore la tensione fornita. Il mio contatore in Svizzera ti permette di vedere il voltaggio, purtroppo non mi ricordo per il contatore Enel in Italia anche esso digitale.


RispostaQuota
 Noos
(@noos)
Famed Member Moderator
Registrato: 4 annifa
Post: 4737
07/04/2020 8:03 am  

@swisselectric

Concordo con te, tuttavia la misura non può essere fatta su un piccolo periodo di tempo, occorre almeno una settimana di registrazione continua.

Questo tipo di strumenti costano un botto, sono cifre a 3 zeri. inoltre devono essere certificati.

Il tuo suggerimento serve in prima battuta a verificare che possa esserci qualcosa a monte che non va, l'entità la stabilisce la misura continuativa.

Alla fine considerando i costi chiamare ii gestore per fare la misura non son danari sprecati. Se non altro si stabilisce un punto fisso dal quale partire ovvero, se problema a monte il fornitore deve correggere se problema a valle occorre dimensionare le linee.


RispostaQuota
(@thedream)
Noble Member Moderator
Registrato: 3 annifa
Post: 1712
07/04/2020 8:26 am  

@lolli_

Come già qualcuno ti ha scritto non puoi calcolare i kW semplicemente in V*A dicendo che sé scendono i V basta aumentare gli A.

Questo  sarebbe possibile se fosse un carico puramente resistivo (tipo un fornello elettrico a resistore) e tu avessi a disposizione molti più A di quelli nominali. 

Il caricatore dell'auto è però un carico induttivo, quindi c'è una sfasatura fra tensione e corrente (per semplificare: i V e gli A non vengono prelevati esattamente nello stesso momento, quello che viene chiamato il cos fi).

Siccome i componenti del caricatore dell'auto sono stati dimensionati per la tensione nominale e gli alimentatori switching (un caricatore AC/DC in pratica è un alimentatore switching) hanno esattamente il comportamento da te descritto (cioè se la V scende loro aumentano gli A per compensare) il problema potrebbe essere che sé la V scendesse troppo gli A salirebbero fino a far "bruciare" l'alimentatore stesso (cosa che mi è successa con il caricatore della Peugeot 106, che non aveva alcun tipo di protezione, 20 anni fa).

Il caricatore Tesla è fatto molto meglio: se si accorge che la V scende sotto una certa soglia (sotto i 200 V da quello che ho visto), stacca e si protegge. Soprattutto però PROTEGGE LA LINEA DA UN'EVENTUALE INCENDIO! Questo perché la V potrebbe scendere a causa per es. di una prolunga sottodimensionata inserita fra UMC e la presa a muro.

Per tornare al tuo caso: credo che il problema sia a monte del contatore, per cui è il tuo fornitore di energia che dovrebbe fare i controlli sulle proprie linee di distribuzione. Se davvero fosse quello il problema quest'estate con i condizionatori del tuo quartiere accesi.. probabilmente non potrai più caricare!

P.S: proprio per evitare questo tipo di problema in Svizzera in ogni casa c'è la trifase, così i carichi a 230 V vengono distribuiti più o meno uniformemente sulle 3 fasi e dal momento che serve potenza si preleva solo in trifase in modo da tenere bassi gli A per ogni fase). Il problema è che, come giustamente indicato da @noos, sui cavi c'è una caduta di tensione direttamente proporzionale agli A prelevati (il cavo ha una sia resistenza, che chiaramente sulla lunghezza causa una certa caduta di tensione). Negli impianti in Svizzera per prelevare 11 kW usiamo normalmente fili rigidi da 2.5 mm2 perché avendo la trifase su ogni fase vengono prelevati solamente 3.6 kW (16A) senza avere troppa variazione di V.

Questo post è stato modificato 2 mesifa 2 tempo da TheDream

RispostaQuota
(@lolli_)
Noble Member Moderator
Registrato: 3 annifa
Post: 1561
07/04/2020 10:18 am  

@noos  so che ovviamente non si può superare quello che si trova sul magnetotermico preceduto da una C. per due motivi: 1.  è un 32A 2. perchè il Tesla Wall Connector raggiunge massimo 32A in monofase e quindi non posso salire più di così.

@swisselectric ho il nuovo contatore OpenMeter di E-Distribuzione ma purtroppo non segna il voltaggio, segna i kW prelevati istantanei e altri valori ma i valori tecnici se li tengono per loro.. per cui serve per forza uno strumento dedicato

@thedream fra qualche giorno la batteria scenderà nuovamente sotto il 45% (ora sono al 50%) e così farò altre prove. spero che non sia così grave da non riuscire a caricare in estate altrimenti sono fregato!

appena ho ulteriori notizie vi faccio sapere e documento il tutto con foto/video.

 


RispostaQuota
(@p966225)
Estimable Member Registered
Registrato: 1 annofa
Post: 233
07/04/2020 11:24 pm  

in ogni caso, fatevi due conti con questo

 

https://www.oppo.it/calcoli/cavi/calcolo_cad_tensione.php


RispostaQuota
 Noos
(@noos)
Famed Member Moderator
Registrato: 4 annifa
Post: 4737
08/04/2020 12:05 am  

@p966225

È puramente indicativo giacchè non tiene conto della temperatura, del tipo di cavo e del suo isolamento, della reattanza e del cosfi. Resta, quindi un valore puramente indicativo.


RispostaQuota
(@p966225)
Estimable Member Registered
Registrato: 1 annofa
Post: 233
08/04/2020 12:12 am  

diciamo che la caduta di tensione è almeno quella. Se già non ci si stà, inutile cercare ancora altre cause


RispostaQuota
 Noos
(@noos)
Famed Member Moderator
Registrato: 4 annifa
Post: 4737
08/04/2020 12:57 am  

@p966225

Nel caso di specie non si sa nemmeno quale tensione ci sia ai morsetti ai del contatore.

Il tuo postulato potrebbe avere  valore solo dopo averlo accertato.

Aspettiamo quindi le misure che andrà a fare Lolli.


RispostaQuota
(@lolli_)
Noble Member Moderator
Registrato: 3 annifa
Post: 1561
13/04/2020 11:31 am  

Ieri sera ho fatto delle nuove misurazioni alle ore 23.00

inizialmente la carica è partita a 16A come l'avevo lasciata l'ultima volta. funzionava normalmente. voltaggio un po' più stabile a quest'ora della sera ma comunque basso.

dopo di che ho gradualmente aumentato fino a 28A.

Qui un riepilogo dei dati raccolti sullo schermo dell'auto:

5A 217-221V
16A 213V
22A 207V
24A 204V
28A 199-203V

Riporto che al momento della prova non avevo nessun grosso carico acceso, per un totale di 783W di consumo circa. quando poi ho raggiunto i 28A ad un massimo di 203V ho visualizzato a contatore una potenza istantanea di 6724W (segnava "ridurre carico" dato che avevo superato i 6.6 kW, ma ho 90 minuti di tempo per abbassare. infatti si sentiva un ticchettio del timer).

Facendo i calcoli, però, si ottieni che 28A x 203 sono 5684W, che vengono consegnati all'auto, ma in realtà a contatore  ne mostra di più, quindi penso che il voltaggio lì sia più alto. considerando che erano 6724 a pieno carico - 783 di consumo del resto della casa, significa che l'auto assorbiva 5941W che diviso 28A fa 212V. Per questo io penso che in quel momento, al contatore con una strumento adatto avrei misurato 212V. A questo punto.. non penso proprio che il mio distributore possa validare questi valori seppur teorici come valori sotto le varie tolleranze..

Detto questo penso che mi metterò il cuore in pace sapendo che solo in determinate occasioni potrò sfruttare al massimo i 6.6 kW.. e spero di non aver mai bisogno per davvero di caricare tanto veloce!

in conclusione: io ho aumentato a 6.6 kW principalmente per poter caricare l'auto intorno ai 3-4 kW e avere un buon margine per la casa in modo da "vivere come sempre abbiamo fatto" con 3 kW ancora disponibili. Penso che saranno rari i momenti in cui caricherò alla massima potenza. in ogni caso ho visto che fino a 24A tiene bene anche in momenti di picco. me li farò bastare!

Fatemi sapere cosa ne pensate, qua sotto vi lascio un p

o' di foto. ciao grazie!

Questo post è stato modificato 2 mesifa da Lolli_

RispostaQuota
(@matte)
Estimable Member Registered
Registrato: 1 annofa
Post: 110
13/04/2020 11:54 am  

Peccato, probabilmente sei poco sopra la soglia minima di tensione, ovviamente fino a quando non lo misurerai non lo sapremo con certezza; però se tanto tu non sfrutterai appieno la potenza contrattuale tanto vale non sbattersi più di così.

L'unico consiglio è di ricaricare la notte quando la tensione di rete è leggermente più alta, meglio ancora se programmi la ricarica in modo da finirla poco prima di partire così trovi la batteria già calda e la rigenerativa non troppo castrata 😉 


RispostaQuota
Pagina 3 / 5
Condividi: