Forum


Parlare con i fossi...
 
Notifiche
Cancella tutti

Parlare con i fossili  

Pagina 1 / 12

Post: 2321
Moderator
(@teslateo)
Noble Member
Registrato: 4 annifa

Buongiorno a tutti scusate il titolo provocatorio ma credo Renda l'idea. Mi capita spesso di parlare con persone completamente estranee al mondo della mobilità elettrica, che pare provino gusto a farne i detrattori, a sostenerne l'insostenibilità, a dire che l'energia prodotta per alimentare le auto inquina tanto se non più dei combustibili fossili, che i materiali per la produzione delle Celle sono scarsi, che non c'è energia sufficiente per convertire tutti all'elettrico, ecc ecc ecc. Naturalmente ragionando rigorosamente per luoghi comuni senza documentarsi e citare studi oggettivi. Leggendo nel forum mi ricordo di aver trovato qua e là molte risposte alle domande sopra, però sparse in mille Rivoli nelle varie discussioni come è giusto che sia.
Vi chiederei una cortesia di aiutarmi a fare ordine ed affrontare il discorso della mobilità elettrica per un interlocutore impreparato. Mi piacerebbe creare anche una piccola presentazione da diffondere, a partire dai raduni e club che frequento, finanche magari ad interlocutori quali potrebbero essere ad esempio gli assessori alla mobilità dei Comuni che frequento. Mi piacerebbe fare un discorso semplice chiaro pacato e soprattutto basato su solide basi scientifiche e non di parte... mi vengono in mente ad esempio il video di Valerio Rossi Albertini, il prezioso articolo del nostro forum " avremo bisogno di più litio", gli interessanti articoli sulla chimica delle batterie e sui motori delle nostre Tesla, ecc ecc.
Avete voglia di aiutarmi? Se si, facciamo un unico post oppure diverse discussioni? Mi piacerebbe affrontare le obiezioni più comuni e cioè:
Produrre l'energia necessaria ad alimentare le nostre auto inquina in maniera simile all'utilizzo di carburanti fossili.
Non c'è abbastanza produzione di energia elettrica per alimentare tutto il parco circolante.
I materiali per produrre le celle sono rari.
La produzione delle batterie inquina.
Lo smaltimento delle batterie inquina.
Che dite?

62 Risposte
Post: 146
Registered
(@glide)
Estimable Member
Registrato: 4 annifa

Matteo sono stato proprio ieri ha vaielettrico Academy.
Convegno rivolta ai giornalisti ma aperto a tutti (Io infatti non sono un giornalista)
I vari relatori facevano proprio quello che vorresti fare tu ovvero presentare dati di studi scientifici che mostrano l'impatto e l'inquinamento dei vari sistemi di trasporto, vantaggi svantaggi e limiti dei vari tipi di mobilità

Risposta
1 Risposta
Moderator
(@teslateo)
Registrato: 4 annifa

Noble Member
Post: 2321

@Glide
Hai trovato Interessante il convegno? Per caso sono disponibili le slide Oppure riesci a reperire del materiale? Grazie

Risposta
Post: 614
Registered
(@onlyev70)
Honorable Member
Registrato: 3 annifa

Secondo me oggi il limite maggiore è la rete. Non so quanto la rete di Terna possa reaggire ad un'incremento ingente di carico.

Risposta
Post: 2321
Moderator
(@teslateo)
Noble Member
Registrato: 4 annifa

20/11/2018 12:05 pm
@onlyev
Grazie della tua osservazione. Ciò che volevo evitare erano proprio i "Secondo me", cioè vorrei avere dei dati oggettivi.
Quanti km vengono percorsi in Italia al giorno? Quanti kilowatt servirebbero? Di quanto è la capacità della rete? Quanto da fonti rinnovabili?

Risposta
Post: 614
Registered
(@onlyev70)
Honorable Member
Registrato: 3 annifa

Se tutto il parco auto, attualmente stimato in 37 milioni di veicoli venisse sostituito dall'elettico, considerando che la percorrenza media è di 12.000 Km annui (dati ACI) si avrebbe un consumo di circa 70TWh annui, con un coefficiente di 0,15 KWh per Km .

L'Italia ad oggi produce circa 300 TWh di energia elettrica all'anno, di cui il 38% circa da fonti rinnovabili (2017), questa produzione non copre comunque il fabbisogno annuo del paese, quindi ne acquistiamo circa il 15% dall'estero .

I dati sulla produzione li ho presi da TERNA.

Non riesco a reperire i dati relativi al massimo carico trasportabile dalla rete in alta, media e bassa tensione.

Io credo ed è purtroppo solo una mia supposizione, che la rete elettrica Italiana non sia un granche. Dico questo perche dalle mie parti capita spesso di sentire, nel periodo estivo, che le cabine di distribuzione vadano in tilt o peggio ancora prendano fuoco per i sovracarichi dati dalla maggiore richiesta degli impianti di condizionamento. Quindi nell'eventualità di sovraccaricarla ulteriormente con n. macchine in ricarica contemporaneamente, ho paura che non reggerebbe.

 

Risposta
Pagina 1 / 12
Condividi: