Forum


Progetto Casa Full ...
 
Notifiche
Cancella tutti

Progetto Casa Full Elettric partendo da zero.  

Pagina 1 / 3

Post: 19
Registered
(@fgduet)
Active Member
Registrato: 11 mesifa

Salve a tutti, dopo aver letto molti post di chi sta facendo o ha fatto queste trasformazioni nella propria casa, stimolato dal 110%, sto pensando di farlo anche per la mia.

Come primo step di ragionamento vorrei rendere i consumi solo elettrico, quindi eliminare il gas. Lo uso solo per il riscaldamento (a termosifoni) e l'acqua calda (per la cottura dei cibi ho tutto elettrico).

Il primo dato che mi piacerebbe avere (e chiedo quindi a chi ci e' gia' passato) e' una stima di quanto verrei a spendere in energia elettrica sostituendo l'attuale caldaia con una a pompa di calore completa di boiler cosi' da avere un valore su cui poi fare altri calcoli (pannelli, powerwall, ecc.).

La mia casa e' abbastanza recente (15 anni) ed ha un un buon isolamento termico, il mio consumo annuale di gas e' circa 1.900 smc. Qualcuno sa come fare una stima di calcolo per convertire questo numero in kW/h/anno?

Etichette discussione
32 Risposte
Post: 5617
 Noos
Moderator
(@noos)
Illustrious Member
Registrato: 5 annifa

Il PCI del metano è mediamente di 9,4 kWh per smc o 33,9Mj quindi il calcolo è presto fatto, oltre a questo devi anche considerare il rendimento della caldaia per avere un dato attendibile.

Attenzione che il rendimento dei termosifoni viene calcolato con acqua a 70°C, le pompe di calore difficilmente arrivano a 60°C, okkio!

Risposta
4 Risposte
Registered
(@fgduet)
Registrato: 11 mesifa

Active Member
Post: 19

@noos eh, lo so' l'ostacolo piu' preoccupante sono proprio i caloriferi. Tengo la temperatura intorno ai 55 gradi e riesco a mantenere in casa tra i 20,3 e 20,5 gradi (in pieno inverno di piu' non sale, per aumentare dovrei alzare i gradi dell'acqua), devo dire che la caldaia (a condensazione) pur lavorando senza sosta fa il suo dovere senza consumare troppo e per noi in famiglia i gradi in casa sono sufficienti.
Ora devo capire se riesco a fare lo stesso con una pompa di calore, purtroppo non ho alcuna conoscenza sapresti darmi qualche modello da iniziare a farmi un'idea?

Risposta
Newsmodder
(@scanred_x)
Registrato: 5 annifa

Famed Member
Post: 4540

@fgduet

da non esperto specifico (per progetti del genere urge un professionista con esperienza e serietà) noterei solo al volo che urge anche una buona coibentazione di casa: mantenere "solo" i giusti 20.3 con l'acqua intorno ai 55 gradi... direi che c'è troppo spreco...

Bello il tuo progetto e intento, facci sapere poi come avanza...

Scan

Risposta
 Noos
Moderator
(@noos)
Registrato: 5 annifa

Illustrious Member
Post: 5617

@fgduet

purtroppo non ho alcuna conoscenza sapresti darmi qualche modello da iniziare a farmi un'idea?

Da regolamento è vietata la pubblicità, spiacente non posso aiutarti in tal senso (non lo farei comunque anche non lo fosse, la macchina deve integrarsi all'impianto. Partire da questa non ha senso).

Al contrario non parlo di numeri giacche sei in fase iniziale con unico dato che è il consumo annuale.......buon punto di partenza ma non dirimente.

Parli di installazione geotermica, sempre che la zona dove ti trovi lo permetta e sopratutto che il sito ove è la tua casa lo permetta, in tal caso occorre vedere a che condizioni e a quale profondità, probabile che il COP possa essere maggiore di 4 ,se non lo permette con impianto ad aria il COP ( in condizioni invernali) difficilmente andrà sopra 3, starei mediamente su 2,5.

Ventilazione forzata, perchè no? (potresti anche utilizzarlo come condizionamento estivo, cosa che con i termosifoni non è possibile, oggi esistono sistemi di ogni genere privilegia comunque la silenziosità) anche qui occorre considerare che andrai a sostituire i termosifoni utilizzando quindi le tubazioni esistenti. Questo rappresenta un vincolo in termini di portata acqua.....avendo minore temperatura dell'acqua bisognerà garantire maggiore portata. Potresti ritrovarti con un sistema rumoroso a causa della velocità.

Il suggerimento che posso darti e di considerare la progettazione da parte di un termotecnico regolarmente iscritto all'albo, per fare cosa ben fatta chiedi anche il capitolato e consegna tutto all'installatore per un preventivo (anzi più installatori) in quale DEVE essere regolarmente iscritto alla CCIAA e in regola con DM37/08 comma 1 lettera C e s.m..

Ultima considerazione sulle PDC, gli installatori, ma anche i progettisti, tendono a consigliare tali macchine con inverter denigrando per principio le macchine on-off. Non è detto che sia la soluzione migliore. Un progettista attento e con la mente aperta saprà certamente considerare pregi e difetti delle due soluzioni.

Ultima cosa, se hai fortuna con il geotermico potresti anche ritrovarti a raffrescare la casa senza usare la PDC.

 

 

Risposta
Registered
(@fgduet)
Registrato: 11 mesifa

Active Member
Post: 19

@noos Grazie, mi hai dato delle ottime dritte sulla ricerca dell'installatore e anche sul termoconvettore che forse potrebbe essere la mia soluzione. Faro' una ricerca nella mia zona di installatori qualificati.

Risposta
Post: 7075
Newsmodder
(@devix)
Illustrious Member
Registrato: 4 annifa

Secondo me devi assolutamente rivolgerti a qualcuno che ne capisce, e anche tanto. PdC e termosifoni sono sempre da prendere con le pinze.

Magari fai tutto al 110%, ma poi rimani al freddo e spendi anche di piu' su base annua.

Diffida da chi ti dice "facciamo tutto, tanto e' gratis". Poi pero' sono dolori. Fatti fare una stima precisa dei consumi con PdC in base al tuo impianto.

Risposta
2 Risposte
Registered
(@fgduet)
Registrato: 11 mesifa

Active Member
Post: 19

@devix lo faro', come dici giustamente, non vorrei poi ritrovarmi con un impianto non efficiente, sarebbe un guaio!

Risposta
Newsmodder
(@devix)
Registrato: 4 annifa

Illustrious Member
Post: 7075

@fgduet

Anch'io sto sostituendo la caldaia con PdC, ma ho riscaldamento a pavimento.

Informandomi in giro, sto vedendo davvero tanti "ciarlatani" che magari hanno sempre fatto benissimo il FV e ora si inventano anche termotecnici (per sfruttare il trainante).

Molti chiedono addirittura di firmare contratti!!! Ma come e' possibile visto che ancora NON sono chiari tutti i dettagli!!!

Risposta
Post: 19
Registered
(@fgduet)
Active Member
Registrato: 11 mesifa

Intanto provo ad andare avanti con i calcoli: convertendo gli msc in kW/h, su base annua, stimo che vado a spendere piu' del doppio di quello che spendo attualmente, ecco i valori full elettric: 3.800€ (riscaldamento+acqua calda) + 2.000€ (resto della casa+m3) totale 5.800€ che arrotondo a 6.000€, quindi per forza devo aggiungere altro per abbassare i costi.
Dividerei il ragionamento in 2 parti: la gestione dell'acqua e la gestione dell'energia elettrica.

Nel primo caso pensavo al geotermico, immettere tramite uno scambiatore nella pompa di calore acqua a temperatura quasi costante tutto l'anno non e' male, ho un amico che fa queste installazioni e mi voglio informare a che temperatura nella mia zona, abito al confine con la svizzera zona Varese, potrebbe fornirmi il geotermico. Devo dire poi che l'idea non mi dispiace perche' avrei anche una sorta di raffrescamento in estate.

Nel secondo caso ovviamente opterei per i pannelli solari e wallbox, tutto da capire il dimensionamento.

Ora mi preparo bene le domande per andare avanti coi ragionamenti Smile

Risposta
Post: 7075
Newsmodder
(@devix)
Illustrious Member
Registrato: 4 annifa
Postato da: @fgduet

Intanto provo ad andare avanti con i calcoli: convertendo gli msc in kW/h, su base annua, stimo che vado a spendere piu' del doppio di quello che spendo attualmente, ecco i valori full elettric: 3.800€ (riscaldamento+acqua calda) + 2.000€ (resto della casa+m3) totale 5.800€ che arrotondo a 6.000€, quindi per forza devo aggiungere altro per abbassare i costi.
Dividerei il ragionamento in 2 parti: la gestione dell'acqua e la gestione dell'energia elettrica.

Hai dimenticato un pezzo cioe' l'efficienza della PdC.

(arrotondando) Se oggi consumi 2000mc di gas, moltiplica x10 e ottieni i kW termici che sono 20.000. Questo dato pero' va diviso per l'efficienza (COP) della PdC che in linea di massima e' mediamente 3. Quindi 20.000/3=6.700kWh elettrici che al lordo di aventuale FV ti costerebbero 6.700*0.20=1.340E.

Il resto della casa non arriva a quella cifra. Considera il normale funzionamento (3.000kWh stando larghi) e 20.000km di ricariche M3 sarebbero circa 3.600kWh. Totale 6.600kWh*0.20=1.320E

Il totale e' intorno ai 2.660E/anno al lordo di produzione fotovoltaica e batteria che potrebbero spannometricamente dimezzare questo dato (dubito meglio).

Ripeto pero' che la valutazione sulla pompa di calore e' fondamentale, altrimenti rimani al freddo e devi farla funzionare molto di piu' alzando quindi di molto i costi.

Risposta
6 Risposte
Registered
(@fgduet)
Registrato: 11 mesifa

Active Member
Post: 19

@devix Giusto! Nel consumo della casa avevo fatto male i calcoli del consumo dell'auto e ho riallineato il calcolo della conversione smc->kW/h. Ora coincidono con i tuoi, in effetti mi sembrava tanto!

Mi spiacerebbe non riuscire a togliere il gas, li devo ragionarci bene, la butto li' ma esiste un'alternativa alla pompa di calore?

Risposta
Registered
(@fgduet)
Registrato: 11 mesifa

Active Member
Post: 19

Riformulo la domanda, a parte il riscaldamento a pavimento, non esiste un'alternativa al calorifero? Tipo termoconvettori anche se non e' che mi attirano molto, ho in mente quelli classici che buttano aria calda verso l'alto ma per casa non mi sembra una buona soluzione, pero' forse in commercio c'e' si meglio. 

Risposta
Newsmodder
(@devix)
Registrato: 4 annifa

Illustrious Member
Post: 7075

@fgduet

I termoconvettori... Vomited   lascia perdere.

Esistono dei pannelli radianti a parete o a soffitto, pero' non sono informato. Prova a cercare su google.

Rimane il fatto che i parametri per accedere al 110% sono abbastanza stringenti (2 classi energetiche e altro) quindi trova un tecnico bravo.

Risposta
Registered
(@fgduet)
Registrato: 11 mesifa

Active Member
Post: 19

@devix hai avuto esperienze negative col termoconvettore? Anchi'io non sono proprio convinto pero' forse esistono versioni qualitativamente curate, esempio, come dice @noos, con una rumorosita' minima, sistemi di filtraggio funzionali, ecc.

Risposta
Registered
(@fgduet)
Registrato: 11 mesifa

Active Member
Post: 19

@devix stavo guardando i pannelli radianti a parete, cavolo sono anche esteticamente interessanti, l'unica cosa e' la superficie richiesta per ottenere la resa necessaria che mi sembra di capire che e' maggiore dello spazio occupato dai termosifoni, anche qui c'e' da ragionarci sopra ma questi pannelli risolverebbero penso il problema della portata d'acqua e della temperatura.

Risposta
 Noos
Moderator
(@noos)
Registrato: 5 annifa

Illustrious Member
Post: 5617

@fgduet

Aumenta la superficie, oltre a questo occorre tenere conto degli ostacoli.....non a caso si chiamano radianti.

Questi possono anche essere utilizzati nella climatizzazione estiva, unico limite è la deumidificazione che non verrà effettuata a causa della temperatura acqua che deve essere mantenuta sempre sopra il punto di rugiada. (o ti ritrovi i pannelli completamente bagnati dalla condensa con conseguente stillicidio sul pavimento). Per ottenere la deumidificazione si dovrà ricorrere a un sistema combinato a ventilazione forzata per il controllo della umidità relativa.

Hai una panoramica dei sistemi (ve ne sono anche altri che al momento hanno costi proibitivi per abitazioni vissute). 

Rivolgiti ad un professionista, esponi le tue esigenze (solo riscaldamento, riscaldamento e raffrescamento, riscaldamento con raffrescamento e deumidificazione (cosigliato)) e ascolta quali sono le soluzioni proposte.

 

Risposta
Pagina 1 / 3
Condividi: