Forum


Notifiche
Cancella tutti

Powerwall 2 per abitazione off-grid  

Pagina 1 / 5

Post: 1593
Moderator
(@lolli_)
Noble Member
Registrato: 4 annifa

Vi spiego il mio progetto: 
Vorrei creare una casa off-grid dunque totalmente autonoma per quanto riguarda energia e riscaldamento. Innanzitutto Vorrei capire quale tipo di Pannello fotovoltaico è meglio, ho letto bene del policristallino che peró in estate perde efficienza con le temperature alte ma credo sia l'unica alternativa, con un rendimento massimo del 15%. Scelto questo, devo capire la capacità necessaria dell'impianto, contando che è necessario che la produzione sia sufficiente anche nei giorni meno favorevoli. Ho pensato ad un sistema da 12 kW di potenza di picco, in modo da poter soddisfare le necessità di una casa con 4 persone, una pompa di calore in inverno (se possibile di tipo Terra-acqua) e ovviamente la ricarica di una Tesla, una futura Model 3. Ovviamente questo richiede uno o più Powerwall perchè principalmente l'auto verrà caricata di notte, dunque collegata completamente al Powerwall dato che la potenza del Fotovoltaico in quel momento è 0. Mettendo caso che la Model 3 abbia una batteria da 90 kWh, avrei bisogno di circa 6 Powerwall da 14 kWh per una ricarica completa. Ma secondo voi potrebbe essere possibile un sistema del genere? (Dal costo molto elevato..)

21 Risposte
Post: 2763
Moderator
(@cronos)
Famed Member
Registrato: 4 annifa

Dove abiti? perchè da noi ( bergamo ) per esempio non è così insolito avere 5 giorni filati di nuvole in inverno dove se produco in totale 10kwh posso far festa, a meno di non avere una batteria veramente enrome la vedo molto dura tenere in piedi il riscaldamento, tanto meno ricaricare una tesla!
Poi se tu abiti a bari, allora le cose sono 1 po diverse.. le temperature invernali fanno il solletico e produci in percentuale molto di più, meno giornate nuvolose in inverno etc... ma prima inizierei a mettere giu i pannelli e gli inverter per vedere cosa produci, iniziare a fare due conti di cosa consumi e vedere se il tutto torna.

Chiuso un attimo il discorso fattibilità, la vera domanda è: PERCHE? perchè sobbarcarsi un costo di questo tipo? la corrente non costa così tanto e tenersi allacciati alla rete non è così proibitivo da riuscire a ripagarsi, anche ti facessero pagare di quota fissa 200€/anno ( e non lo fanno, ma lo facessero.. ) non li recupererai mai considerato quanto devi sovradimensionare il tuo impianto di batterie..

Risposta
Post: 1593
Moderator
(@lolli_)
Noble Member
Registrato: 4 annifa

Io abito nella tua zona circa, Monza. Per questo motivo appunto mi chiedo anche se sia fattibile. Vorrei riuscire a collegarmi alla rete solo in casi di emergenza e Vorrei cercare di caricare la Tesla in modo totalmente green, dal mio impianto. So che l'auto sufficienza è difficile, ma forse potrei riuscire a raggiungerla, altrimenti dovrei sempre caricarla pagando l'energia la fornitore perdendo poi il vantaggio.. Poi ciò che produco in più del necessario posso inserirlo in rete, in modo da recuperare qualche centesimo a kWh.
Questo per mettere in chiaro che non vorrei proprio "staccarmi" fisicamente dalla rete, ma ho usato il termine off-grid per fare intendere un'autonomia pari al 95-99%. Ma forse è solo un sogno..

Risposta
Post: 12
Registered
(@luca-g)
Active Member
Registrato: 4 annifa

Anch'io come te ho un'idea del genere che mi gira per la testa,

La mia domanda è diversa, avendo io la possibilità di ricaricare l'auto in azienda posso usare la batteria dell'auto al contrario? Cioè posso usarla come supporto alla batteria di casa e trasferirvi energia in caso di bisogno?

Luca

Risposta
Post: 2763
Moderator
(@cronos)
Famed Member
Registrato: 4 annifa
Posted by: Lolli998

Io abito nella tua zona circa, Monza. Per questo motivo appunto mi chiedo anche se sia fattibile. Vorrei riuscire a collegarmi alla rete solo in casi di emergenza e Vorrei cercare di caricare la Tesla in modo totalmente green, dal mio impianto. So che l'auto sufficienza è difficile, ma forse potrei riuscire a raggiungerla, altrimenti dovrei sempre caricarla pagando l'energia la fornitore perdendo poi il vantaggio.. Poi ciò che produco in più del necessario posso inserirlo in rete, in modo da recuperare qualche centesimo a kWh.
Questo per mettere in chiaro che non vorrei proprio "staccarmi" fisicamente dalla rete, ma ho usato il termine off-grid per fare intendere un'autonomia pari al 95-99%. Ma forse è solo un sogno..

Nella nostra zona è un totale disastro d'inverno, quindi abbandona proprio l'idea di andare anche solo parzialmente off-grid.
Non c'è proprio verso che tu produca abbastanza energia con una certa costanza da reggere il periodo invernale, per l'inverno dovrai acquistare e te la devi giocare con il surplus estivo ( che ci sarà ), quello che ti danno per l'estate lo spendi poi in inverno.
Se vuoi dirmi "in primavera-estate-autunno vorrei.." allora, ok, parliamone.

Ti ho allegato al messaggio uno screen di oggi che penso ti aiuti un attimo a capire meglio le proporzioni.
In arancio i consumi, in azzurro la produzione.. tieni conto che è un 3kw sud.
Posso farti qualche screen di vari giorni.. ma in questo periodo non è affatto raro vedere questi dati
Non sto a dettagliarti tutto, ma in linea generale questo è quanto consuma un impianto di condizionamento aria-aria per una casa medio-piccola e tira più o meno così tutto il giorno, da questa mattina si è già pappato qualcosa come 13,5kw dalla rete, come autoconsumo ( e quindi produzione ) siamo a 0,5kw, quindi anche con batterie enormi ci fai ben poco.. se non le puoi riempire sono assolutamente inutili.
Ponendo anche di avere un 12kw basta moltiplicare per 4 quanto produce, quindi arriveresti ad uno strabiliante 2kw, fino ad ora ne ho consumati 13.. e non ci devo manco caricare una tesla..

Se parliamo di primavera/autunno i dati sono 1 po diversi, in allegato hai un secondo screen, parliamo del 28 novembre, i condizionatori come vedi da qui li ho usati ben poco, solo qualche ora quà e là perchè c'era già la temperatura giusta in casa ( poi dipende cosa è la temperatura giusta per te.. ma è un altro discorso ancora ), ma il punto è: con 3kw quella è la produzione e come vedi c'è ampio margine per accumulare, e al solito, questo è un 3kw quindi moltiplicalo per 4 e vedi che reggi bene sia la tesla che il riscaldamento.
D'estate chiaramente con tutte quelle ore di luce non c'è nemmeno da discuterne.

Ti direi intanto di installare tutti i pannelli fotovoltaici che riesci se questo è il tuo obiettivo perchè in ogni caso l'energia te la pappi tutta e quella che non ti mangi la vendi e la ricompri d'inverno, per il dimensionamento powerwall ti direi di farti bene i conti.

Dopo di che ti fai questi conti:
Prelevo a 0,25, vendo a 0,12 quindi ogni kw esportato-reimportato mi costa 0,13.. quanto cosa un powerwall2? diciamo 6000€? incentivato diciamo che costa 3000€?
3000/0,13 -> sono 23.000kwh.
In sostanza ogni powerwall2 si ripaga dopo che ha immagazzinato e ri-erogato 23.000kwh, quindi devi capire effettivamente quanta energia esporti ogni anno e farti 2 conti banali.. ogni anno esporti e ricompri 8000kwh? ok, allora in 4 anni diciamo te lo sei ripagato ( diciamo più o meno.. ma va valutato ), ne esporti 16000? allora forse è il caso di comprarne 2 perchè varrebbe la pena visto che entrambi li recupereresti in circa 4 anni.. etc

edit: occhio che il forum ti tronca le immagini, click destro sull'immagine -> visualizza immagine ( o simile, dipende dal tuo browser ) per vederle intere


Posted by: Giabardo Luca

Anch'io come te ho un'idea del genere che mi gira per la testa,

La mia domanda è diversa, avendo io la possibilità di ricaricare l'auto in azienda posso usare la batteria dell'auto al contrario? Cioè posso usarla come supporto alla batteria di casa e trasferirvi energia in caso di bisogno?

Luca

A parte che la trovo veramente una scorrettezza per la tua azienda e che ti mangi la batteria a suon di cicli carica/scarica e che chiaramente potresti sfruttarlo solo la sera.. ma a parte questo che son 1 po fatti tuoi, andando alla tua vera domanda, la risposta è: No, non puoi.

Almeno per ora.

Nel senso che si è parlato spesso di questa possibilità, ma ha qualche intrinseco problema di sicurezza, nel senso che normalmente il tutto avviene in una direzione,chiusa quella la tua casa è in sicurezza e la cosa si chiude lì.
E' 1 po come avere un impianto dell'acqua dove l'acqua arriva da più fonti e pensi di aver chiuso la mandata e inizi a fare i lavori per poi scoprire che ti si allaga casa perchè arriva l'acqua anche da un altra parte.
Solo che per l'energia la cosa è molto più subdola e quindi il rischio è molto più grande, per tanto sono necessari tutta una serie di sistemi di sgancio di sicurezza.
Oltre a questo chiaramente serve che il processo sia bidirezionale, attualmente il charger converte da rete a batteria ( diciamola così ), ti servirebbe un secondo convertitore ( da batteria a rete ) per poter far funzionare questo processo, e anche questo al momento non c'è.. e non c'è in particolare per le questioni di sicurezza che si dicevano prima.

Risposta
Pagina 1 / 5
Condividi: