Forum


Al bando ICE e Ibri...
 
Notifiche
Cancella tutti

Al bando ICE e Ibridi in UK  

Pagina 1 / 2

Post: 425
(@paolosam)
Reputable Member
Registrato: 9 mesifa

Un articolo molto interessante con cui il governo anglosassone fissa un obiettivo sfidante per il bando degli ICE al 2035.

 

Bando UK ICE al 2035

 

35 Risposte
5 Risposte
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @paolosam

Un articolo molto interessante con cui il governo anglosassone fissa un obiettivo sfidante per il bando degli ICE al 2035.

 

Bando UK ICE al 2035

 

So che vi incavolerete ma c'è un solo commento possibile: questa è una idiozia intergalattica...

Risposta
(@paolosam)
Registrato: 9 mesifa

Reputable Member
Post: 425

@fafifugno "Some years ago ago to think about electric cars was stupid and someone trying to build a factory to build electric cars was stupid square" E. Musk

 

Risposta
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @paolosam

@fafifugno "Some years ago ago to think about electric cars was stupid and someone trying to build a factory to build electric cars was stupid square" E. Musk

 

Sì, e quindi ?
Continuo a ritenerla una idiozia...

Risposta
Moderator
(@cronos)
Registrato: 4 annifa

Famed Member
Post: 2629

@fafifugno

fortunatamente c'è chi non la pensa come te

 

Risposta
(@paolosam)
Registrato: 9 mesifa

Reputable Member
Post: 425

@fafifugno Quindi ho già risposto, vedi sopra quando e perchè. In un mondo libero ognuno ha la possibilità di esprimere quello che crede.

 

Risposta
Post: 5306
Moderator
(@devix)
Illustrious Member
Registrato: 3 annifa

Mah, io faccio un conto molto spannometrico basato sul mercato italiano.
Dati UNRAE.
Solo il 21.8% del circolante e' Euro6 (quindi immatricolato dopo il 2011).
Cio' vuol dire che in Italia ci sono 31.354.000 Euro5 e inferiori (su 38.190.000).
Per non parlare dei veicoli commerciali.
Questo di traduce, sempre spannometricamente in una media di oltre 20 anni di utilizzo di un'auto.
Oggi, realisticamente, non esiste un'auto elettrica di massa.
Sempre dai dati italiani, le piu' vendute sono Panda, Lancia Y, Polo, Clio. Tutte auto tra I 9.000 e I 15.000 Euro.
Penso che ci vorranno 10 anni per avere auto elettriche che raggiungano il Prezzo delle auto di massa con quanto meno un'autonomia decente.
Quindi 2020 + 10 anni per avere elettriche di massa + 20 anni per estinguere il circolante = 2050.
Questo mi sembra realistico.

Risposta
2 Risposte
Moderator
(@cronos)
Registrato: 4 annifa

Famed Member
Post: 2629

@devix

guarda che è irrilevante quanto rimane un auto,se 20 o 30 anni, qui si parla di impedire di acquistarne un altra nuova che non sia elettrica, se te la tieni 20 anni e la acquisti prima del ban sei apposto per 20 anni.

la domanda è: in 15 anni arriverà un auto elettrica più economica?

io penso che la risposta sia scontata: sì

a livello della panda attuale? forse, ma in caso costi qualcosa di più, non importa, si risparmia molto

il vero problema sono le città, dove le carica queste auto chi non ha il garage e già non trova parcheggio nemmeno a piangere?

ecco, questo è un altro paio di maniche.. è la diffusione dei punti di ricarica che dovrà migliorare molto, ma anche qui è tutto piuttosto relativo, se uno usa poco l'auto e nei centri commerciali iniziano ad esserci anche solo colonnine a 50-100kw con l'efficienza che avranno le auto tra 10-15 anni e la velocità di carica che permetteranno, direi che nel fare la spesa puoi farci un pieno o quasi, quindi se la usi poco, sei apposto

se la usi molto probabilmente ti fermi ogni tanto in una super fast da 250-300kw e risolvi rapidamente il problema

 

tutto sommato non lo vedo impossibile, il punto fondamentale però è che chi fa auto deve smetterla immediatamente di sversare soldi sui diesel/benzine/ibridi perchè non avranno tempo di ammortizzarli e svegliarsi che una fabbrica non si fa in una notte, e quindi tocca che facciano fabbriche per batterie, miniere etc, perchè da quella data ogni anno scatteranno ban in varie nazioni e ogni anno potranno venderne di meno ( e sempre con più difficoltà )

questi ban servono a ricordare a chiare lettere che il momento di agire è ora.

sia per chi fa colonnine, sia per chi fa auto, sia per chi fa normative, perchè non c'è più tempo

 

Risposta
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @devix

Quindi 2020 + 10 anni per avere elettriche di massa + 20 anni per estinguere il circolante = 2050.
Questo mi sembra realistico.

Premesso che "non vendere più ICE" non implica necessariamente "contestuale rottamazione delle ICE esistenti", triplica almeno sia i 10 anni per le elettriche economiche sia i 20 per la sostituzione del circolante.
Il tutto ignorando la rete di ricarica, quella di distribuzione e la produzione di energia...

Risposta
Post: 425
(@paolosam)
Reputable Member
Registrato: 9 mesifa

D’ accordo se fossimo in Italia, ma non lo siamo.

In UK si ha un potere di acquisto della valuta maggiore (per ora), inoltre il parco circolante non è vecchio come il nostro, notoriamente la media dell’età delle auto in UK è la più bassa d’ Europa (circa 8,1 anni) Quindi gli inglesi cambiano auto più velocemente degli italiani.

Tra i top seller in UK abbiamo Fiesta e Golf ai primi due posti e non Panda.

Pertanto se prendiamo questi parametri e togliamo circa 10 anni ai tuoi conti siamo al 2040, non tanto lontano dal 2035.

Risposta
8 Risposte
Registered
(@tetsuya)
Registrato: 12 mesifa

Trusted Member
Post: 91

Le ICE spariranno molto prima del 2035 e senza bisogno di bandi. Spariranno perché saranno a breve antieconomiche vs le elettriche

lo sono già in alcuni casi e infatti alcune flotte le stanno acquistando..

 

Risposta
(@paolosam)
Registrato: 9 mesifa

Reputable Member
Post: 425

@tetsuya Con i trend attuali è plausibile una riduzione degli ICE nel prossimo decennio. Speriamo bene!

 

Risposta
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @tetsuya

Le ICE spariranno molto prima del 2035 e senza bisogno di bandi. Spariranno perché saranno a breve antieconomiche vs le elettriche

Facendo parte dei "nemici" ti posso assicurare che ti sbagli, e di parecchio....

Risposta
Registered
(@tetsuya)
Registrato: 12 mesifa

Trusted Member
Post: 91

@fafifugno scommettiamo una pizza? Smile

 

Risposta
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @tetsuya

@fafifugno scommettiamo una pizza? Smile

 

Per me si può anche fare, tanto non partecipo mai a nessun raduno RazzGrin

Risposta
(@paolosam)
Registrato: 9 mesifa

Reputable Member
Post: 425

@fafifugno leggi bene ho detto riduzione nel prossimo decennio non eliminazione, non mi sbaglio e di parecchio di solito nel mio lavoro nelle previsioni ci piglio.

Grinning

 

Risposta
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @paolosam

@fafifugno leggi bene ho detto riduzione nel prossimo decennio non eliminazione, non mi sbaglio e di parecchio di solito nel mio lavoro nelle previsioni ci piglio.

Grinning

 

C'è sempre una prima volta per tutto RazzSweaty

Risposta
(@paolosam)
Registrato: 9 mesifa

Reputable Member
Post: 425

@fafifugno SEMPRE ! 

 

Risposta
Post: 1224
Moderator
(@pontamarco)
Noble Member
Registrato: 3 annifa

Anche a mio parere non la vedo una cosa così impossibile, sappiamo come molti stati abbiano già "ingranato la marcia" o meglio "tolte le marce" da un pò di tempo, vedi la penisola Balcanica, Inghilterra, Olanda...

Poi, si, bisogna vedere come si evolverà la cosa, ad esempio, se nel 2035 vieti di vendere auto nuove ICE questo NON vuol dire che il mercato delle usate si fermi e neanche che le ICE non potranno più circolare (ovviamente parecchie restrizioni e disincentivi bisogna aspettarseli).

Inoltre si parla solo di auto, non di veicoli commerciali, insomma, non mi sembra così drastico.

Pensiamo anche all'impennata degli sviluppi in campo EV dell'ultimo anno, il successo della M3, le reazioni dei mercati e dei competitors, il trend è più che positivo e sono certo che nel 2035 (sono sempre 15 anni, ricordiamolo) la famigerata Panda elettrica non sarà solo un mito ma realtà.

Risposta
Post: 101
Owner
(@giampigua)
Estimable Member
Registrato: 11 mesifa

La domanda vera è: la popolazione umana sarà ancora quella di adesso se nel 2035 si continueranno a vendere milioni di ICE?

Risposta
12 Risposte
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @giampigua

La domanda vera è: la popolazione umana sarà ancora quella di adesso se nel 2035 si continueranno a vendere milioni di ICE?

Sì, visto che l'inquinamento non è colpa delle ICE

Risposta
Moderator
(@devix)
Registrato: 3 annifa

Illustrious Member
Post: 5306

Diciamo che lo e' per un 30% nelle citta', questa e' una risposta piu' plausibile.
Pero' cominciando da questo e continuando aggiornando I riscaldamenti togliendo il gas e introducendo geotermico e pompe di calore, il tutto alimentato con rinnovabili, direi che e' un buon inizio.

Risposta
Owner
(@giampigua)
Registrato: 11 mesifa

Estimable Member
Post: 101

@devix

caro devix, vero per la parte non CO2. 
ma per la parte CO2 non ci sono confini: arriva sino ai poli...

 

Risposta
Moderator
(@devix)
Registrato: 3 annifa

Illustrious Member
Post: 5306

Certamente, ma fare una stima reale e' estremamente difficile.
Volevo solo dire che se intanto riuscissimo a evitare I gas di scarico quando facciamo una passeggiata in citta', sarebbe una bella vittoria.

Risposta
Owner
(@giampigua)
Registrato: 11 mesifa

Estimable Member
Post: 101

@devix

ma certo!

perle stime da CO2 parlano da sole le vendite di carburanti 

 

Risposta
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @devix

Diciamo che lo e' per un 30% nelle citta', questa e' una risposta piu' plausibile.

Mah, ho i miei dubbi che arrivino al 30%, e in ogni caso ha poco senso cominciare a diminuire l'inquinamento lavorando su chi è responsabile di una piccola parte, non ti pare ?
Meglio cominciare con il restante 70%, e solo DOPO occuparsi del rimanente 30%, perlomeno imho...

Postato da: @devix

Pero' cominciando da questo

Ottieni poco e nulla

Postato da: @devix

e continuando aggiornando I riscaldamenti togliendo il gas e introducendo geotermico e pompe di calore, il tutto alimentato con rinnovabili, direi che e' un buon inizio.

E, domanda, chi tira fuori tutti 'sti soldi ?

Risposta
Moderator
(@devix)
Registrato: 3 annifa

Illustrious Member
Post: 5306

Ci sono gia' forti incentive per passare a siatemi piu' efficienti ed ecologici.
Enel ha fatto un ottimo programma per il fotovoltaico per I condomini, per esempio.
Di strade possibili ce ne sono tante. Non si fa dalla mattina alla sera, mi pare ovvio, ma bisogna cominciare.
Non si comincia con il 30% e poi con il 70%, ma contemporaneamente, efficientando gli edifici e migliorando il parco circolante.

(I dati non me li sono inventati).

Ogni maratona comincia con 1 passo, ma se non fai quell passo, non farai neanche mezza maratona.

Risposta
Owner
(@giampigua)
Registrato: 11 mesifa

Estimable Member
Post: 101

@fafifugno

mi pare una risposta contraddittoria: ammette che l’inquinamento esiste e afferma che la popolazione umana nel 2035 non cambierà perché non è colpa delle ICE.

allora ti chiedo di chi è la colpa, cosa proponi per evitare il danno e perché le ICE non ne sarebbero colpevoli

 

Risposta
Registered
(@fafifugno)
Registrato: 5 annifa

Honorable Member
Post: 622
Postato da: @giampigua

@fafifugno

mi pare una risposta contraddittoria: ammette che l’inquinamento esiste e afferma che la popolazione umana nel 2035 non cambierà perché non è colpa delle ICE.

allora ti chiedo di chi è la colpa, cosa proponi per evitare il danno e perché le ICE non ne sarebbero colpevoli

 

Di chiè la colpa ?
Riscaldamenti dei vecchi edifici (tanti vanno ancora a gasolio/affini), scarichi di industrie, aerei, navi, trasporti su gomma, suv eccetera eccetera.
Cosa fare ?
In primis adottare il principio "niente box -> niente auto", multare chi parcheggia per strada vicino casa (hai il box, utilizzalo per metterci la tua auto invece di subaffittarlo, ovviamente in nero, o come cantina).
Vietare la vendita e la circolazione di suv e monovolumi, tanto grandi fuori quanto piccoli dentro (e con una aerodinamica da fare invidia a piccole palazzine).
Eliminazione di quel controsenso che sono i diesel veloci (quelli automobilistici, intendo).
Ma, almeno qui a Milano (ma immagino situazioni simili o anche peggiori altrove), la cosa che va fatta prima di tutto è migliorare il trasporto pubblico: non si trova mai un controllore quando serve (risultato: almeno il 60-65% della gente viaggia senza biglietto), i mezzi son troppo pericolosi da utilizzare (specie la sera e specie fra il Venerdì e la domenica), non sono mai puntuali, mancano i collegamenti con l'hinterland.

Chi ti scrive al momento è in metropolitana, questo è il secondo mezzo su tre che devo prendere sul ufficio -> casa (una ventina di km, da Milano sud a vicino Monza). La mattina, invece, di mezzi ne prendo 4 (o 5, come qualche giorno fa), entrambi i percorsi durano (se non parto alle 6.30) almeno 1 ora e 20 (lo stesso tragitto in auto richiede fra 45 minuti e 1 ora e 35 minuti). La sera devo arrivare al capolinea del terzo mezzo entro le 22, altrimenti a casa non ci torno (visto che poco dopo le 22 c'è l'ultima corsa del mezzo).

Capisci anche tu che poi è ovvio che la gente tenda a muoversi con la propria auto, che di solito è una ICE....

Risposta
Owner
(@giampigua)
Registrato: 11 mesifa

Estimable Member
Post: 101

@fafifugno

A parte le situazioni su cui siamo tutti d'accordo, mi pare che la tua ultima frase ammetta che le ICE inquinano. 

non sono le auto ICE le uniche responsabili, certo, ma lo sono, al pari dei trasporti (pure quelli da elettrificare nelle loro varie forme: per il 2035 si arriverà anche all'elettrificazione dell'aereo), riscaldamenti, etc etc: tutto elettrificabile.

a tal proposito, per far inca@@are un po' tutti, leggete qua:

https://www.ilsole24ore.com/art/il-solare-termico-chiude-guerra-persa-burocrazia-e-comitati-AC264iFB

 

 

 

Risposta
Moderator
(@devix)
Registrato: 3 annifa

Illustrious Member
Post: 5306

Caro Fafifugno,
Io non sono un gretino, ma neanche un Greg-ario (chi ha orecchie…) figurati che adesso guido un V8 per questioni che non sto qui a spiegare. Non credo neanche a tutte le varie teorie sulle cause del global warming, ma meglio non approfondire.

La colpa? La colpa e' dello sviluppo incontrollato, come era giusto che ci fosse 100 anni fa. Oggi pero' siamo consapevoli di quello che respiriamo e saremmo dei folli a non fare niente.
Io non voglio cambiare il mondo, ma se riesco a respire meglio quando porto mio figlio a scuola, tanto di guadagnato. Avere una Tesla di apre la mente anche da questo punto di vista e a me manca tantissimo.
Tutto qui.

Tornando al tuo discorso, Elon sta svuluppando la Boring Company proprio perche' alla gente non piacciono I mezzi pubblici (lo ha dichiarato ultimamente). Immagina una rete di trasporto personale elettrico, preferibilmente in car sharing per I tragitti che descrivi tu.
Io faccio il mio cercando di rendere casa mia piu' rinnovabile possibile, spero di comprarmi un'altra Tesla il prima possibile e sono contento se lo fanno anche gli altri.

Risposta
Moderator
(@pontamarco)
Registrato: 3 annifa

Noble Member
Post: 1224

@fafifugno

non si può dire che il 30% dell'inquinamento portato dalle auto sia una percentuale trascurabile, comunque:

La prima distinzione va fatta tenendo conto della tipologia degli inquinanti e della localizzazione intesa sia morfologica (mare, campagna, città) che geografica (di che nazione/continente parliamo?).

Ora, restringendo il campo a casa nostra/mediterraneo:

Ovvio che le navi contribuiscono anche loro nel computo dell'inquinamento ma "spargono" le loro schifezze in mezzo al mare (la CO2 in aria, polveri sottili e altro disciolte in acqua per un bilanciamento trascurabile), vale lo stesso per gli aerei.

Rimanendo nell'ambito dei grossi impianti, centrali, fabbriche, aerei, navi sono sottoposti ad una legislazione, almeno in Europa, molto restrittiva in termini di sicurezza, efficienza degli impianti ed emissioni, per ovvie ragioni di costi ed efficienza lavorano sempre a regimi ideali (il discorso cambia se andiamo in Cina o India).

Tutto per dirti che il contributo dei cui sopra all'inquinamento in Corso Magenta è praticamente zero.

Quindi, per noi e i nostri bambini, rimangono auto e riscaldamenti (vetusti e non a norma, perchè gli altri, si sa, hanno emissioni ridicole e, in maggior parte, si parla di vapor acqueo).

Ancora più nello specifico, quando cammini sul marciapiede (ma anche se stai in auto o sui mezzi pubblici) respiri quello che è alla tua altezza, ovvero principalmente aria (ovvio!), polveri sottili e gas (per lo più tossici), la CO2 "vola in cielo" e, comunque, è indifferente per il tuo apparato respiratorio, oltre a questo, e tutti tendono a dimenticarlo, i tuoi timpani sono continuamente stressati dal rumore e il tuo organismo dalle vibrazioni.

Chiudo qui, giusto, le auto non sono le principali responsabili del surriscaldamento globale dovuto, principalmente, alla CO2 (ci hanno pensato gli incendi in Australia a incasinarci per i prossimi 10 anni) ma, sicuramente, sono la principale causa delle malattie respiratorie di chi vive in città, incluse parecchie forme di tumore.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, non credo che il problema sia dovuto al numero di controllori, semplicemente il sistema non sarà mai così capillare e distribuito per soddisfare tutte le esigenze, ricordati poi che si stava parlando dell'inghilterra, Londra ha un sistema di trasporti pubblici da paura ma, purtroppo, la "superficie" è comunque sempre intasata da auto, semplicemente, anche li, perchè il trasporto pubblico non va bene a tutti.

Ad esempio, nel mio caso, ma ne conosco tanti, vivendo nei pressi di una città ma lavorando in un'altra (che è, fra l'altro, in un'altra regione) coprire i 70km di strada che mi separano da casa al lavoro significherebbe quasi 3 ore di viaggio con i mezzi pubblici, semplicemente impensabile.

....quella dei box poi non l'avevo mai sentita, ma, visto che per te il 30% di inquinamento da auto è una percentuale bassa, quanti sono i Milanesi che fanno il "giochino" del box, dai, su!

 

 

Risposta
Pagina 1 / 2
Condividi: