MODEL 3 INQUINA PIÙ DI MERCEDES TD 10


Si leggono da anni, ma ora sempre più spesso appaiono articoli di fantomatici studi su quanto le auto elettriche siano inquinanti paragonate a qualsiasi altra cosa (spesso il diesel).

Quando però ci si mettono anche le agenzie stampa ad evidenziarli (che invece dovrebbero fare informazione) allora è forse il caso di prendere posizioni e fare chiarezza.

Ecco perchè il nostro caro amico Paolo Attivissimo ha deciso di pubblicare un interessante debunking sfatando falsi miti, facendo chiarezza sopratutto su quanto i dati a seconda di come vengono “rigirati” posson far vedere quello che vogliamo.

Come giustamente evidenzia Paolo, il tutto ruota su molti dati male interpretati (ad esempio la batteria da sostituire a 150mila km) e sulla promozione di motori endotermici a gas per faciltare la transizione all’idrogeno.

Quest’ultimo sempre più alla ribalta quando si parla di ecosostenibilità. Ma anche in questo caso bisogna stare attenti!

Già, anche il buon idrogeno, la panacea di tutti i mali ha il suo lato oscuro!

Qui sotto riporto il link dell’articolo integrale sul blog di Paolo Attivissimo

https://fuoriditesla.blogspot.com/2017/07/ma-ce-uno-studio-dellifo-institute.html


Rispondi a pontamarco Annulla risposta

10 commenti su “MODEL 3 INQUINA PIÙ DI MERCEDES TD

  • ModelSLover

    io posso portare un piccolo contributo personale

    partecipai mesi fa ad un convegno dell’Esa a Bergamo Scienza. Ebbi la fortuna di passare poi un oretta con uno scienziato Esa responsabile dell’Ufficio Cambiamenti Climatici (studiati con i loro satelliti)

    bene, gli domandai che ne pensasse di questo grande tema …. EV vs ICE e relativi impatti ambientali

    la sua risposta fu secca ed immediata; mi disse che la materia è ampiamente documentata ormai, da studi scientifici, completi, ciclo vita, fino a smaltimento

    e – disse – la “sentenza della Scienza è ormai incontrovertibile: gli EV inquinano un terzo degli ICE”

  • pontamarco

    Alla fine, personalmente, credo che le cose stiano così: uno studio puntuale che cerchi di analizzare tutti gli aspetti della questione fornendo prove, calcoli, varie tipologie di casistiche, tipologie di utenza ecc. includendo tutta la filiera a partire dall’estrazione delle materie prime alla rotamazione, tenendo presente anche influenze geo-politiche scaturirebbe in un tomo da 1.000 pagine.

    Lo stesso rischierebbe di diventare incomprensibile a chi non ha conoscenze ingegneristiche, legali, economiche di buon livello.

    In un mondo fatto di social e acchiappaclick dove il 90% dei fruitori di questo servizio si ferma al titolo del post e, al massimo “sopravvive” fino alla 10 riga di un articolo, vedo quanto sopra assolutamente inutile.

    Oggigiorno si riduce tutto ad un mero: “citami la tua fonte”, se tale fonte è il professorone tedesco allora, di fatto, la notizia è attendibile. altrimenti è “fake”.

    Questo vale purtroppo non solo per EV vs ICE ma per qualsiasi argomento che riguarda la società odierna: nero o bianco, si o no, buono o cattivo……le vie di mezzo, le sfumature, gli approfondimenti, non generano interesse, anzi, annoiano.

    Dopo questa divagazione filosofico-deprimente, trovo la battaglia a colpi di interventi sui social con minivideo e/o 4 grafici messi in croce, persa in partenza.

    Per curiosità mi sono iscritto anche a qualche gruppo facebook riguardante Tesla o, più genericamente, la mobilità elettrica, non esiste post in cui non si accodi il solito genio con le solite frasi “stampino” (le fantomatiche centrali a carbone, lo smaltimento delle batterie, le Tesla che si incendiano, il cobalto…..blablabla).

    Vale veramente la pena reiterare sui soliti argomenti? Si può discutere con qualcuno che non sa neanche minimamente cosa sia un ciclo 8 o un Ampere?

    Per me no.

    Personalmente sono nel campo della ricerca automotive da 30 anni, so cosa stiamo sviluppando, come e quando certi sviluppi verranno applicati.

    All’ultimo convegno a cui ho partecipato un esponente di primo livello di FCA ha basato il suo intervento sul fatto che sia molto importante arroccarci sulle nostre posizioni, lavorare sul concetto che il sistema EV non è ancora maturo e tirare avanti con lo status quo per un paio di decenni (leggesi mi prendo i miei bonus finchè non vado in pensione e poi chi se ne frega).

    So quindi che fra qualche anno, volenti o nolenti, la stragrande maggioranza degli “EV haters” dovranno mandare giù il boccone amaro e comprarsi una EV, semplicemente perchè l’alternativa non ci sarà più.

    Ultimamente il mio atteggiamento è sempre di più quello di non perdere tempo in discussioni da stadio, sorrido, dico al mio interlocuture “beato te che sai” e passo oltre, ci rivediamo fra 10 anni bello!

  • Ale

    La cosa assurda è che per la mercedes prendono in considerazione la produzione di co2 solo durante l’utilizzo, per la tesla mettono in conto la produzione di energia, lo smaltimento, il trasporto e lo stoccaggio, la produzione delle batterie.. se fosse così bisognerebbe contare anche quanto costa in co2 estrarre e raffinare il petrolio e trasportarlo, smaltire gli oli esausti ecc..

    veramente assurdo

  • Giuseppe Fornaroli

    Perché mercedes e loro fans non fanno confronto con il suo insettone elettrico che ha una efficienza scarsissima e prestazioni ridicole, se le loro stufe ecologiche come le chiamano vanno così bene perché si avventurano a costruire auto elettriche e fanno confronti inverosimili con altri prodotti….