Forum


COME CARICARE LA TE...
 
Notifiche
Cancella tutti

[Chiuso] COME CARICARE LA TESLA  

Pagina 18 / 18
  RSS

(@aigle-des-alpes)
Trusted Member Registered
Registrato: 2 mesifa
Post: 92
26/08/2020 3:04 pm  

@fama: non so se ti riferissi a questo, io a casa mia ho appena installato come wallbox un ABB Terra AC 22Kw, è monitorabile via app (la app si chiama "chargersync")


fama hanno apprezzato
(@angus)
Eminent Member Registered
Registrato: 1 mesefa
Post: 28
26/08/2020 4:22 pm  

Ciao, eccomi alle prese con la scelta del punto di ricarica in garage.
Premessa: scrivo qua perché il titolo rispecchia esattamente la mia esigenza. Inoltre, ho letto tutto (!) il thread e spero di potervi fare domande circostanzaite, in modo che riusciate a darmi qualche parere senza che vi porti via troppo tempo. Se ritenete meglio, spostate pure (o ditemi e riscrivo io).

Dunque: nel box al momento ho solo una presa italiana condominiale 10A a cui naturalmente non mi collegherò mai, vorrei capire con cosa conviene sostituirla. Vorrei vedere come me la cavo (dal punto di vista dei km di autonomia aggiunti, intendo) con la ricarica notturna a 3kW (attuale potenza contrattuale) e poi eventualmente, se vedo che non ci sto, adeguare il contratto aumentando la potenza. Allo stesso tempo vorrei fare adesso il lavoro una volta per tutte, cioè tirare i nuovi cavi dimensionandoli in modo che vadano bene anche in caso di eventuale aumento di potenza contrattuale. Ora la prima domanda è: qual è la massima potenza a cui posso caricare la Model 3 in monofase? Non ho capito se questa Pmax può essere 6kW o 7.4 kW, o altro. Allo stesso modo forse mi è sfuggita la risposta definitiva, ma si è parlato anche di progetto necessario (e costi aggiuntivi indesiderati, deduco) per potenza superiore a 6kW.

Ad ogni modo, e a quanto capisco, se Pmax non supera 7.4kW, per ciò che mi serve basterebbe quanto indicato all'inizio di questo post:
"Dal contatore ENEL parte un cavo FG7OR 3G10 che alimenta la presa interbloccata 32A BLU IP65 monofase, il tutto protetto da differenziale selettivo 40A, 0,03mA. Questo sistema permette di ricarica MAX 7,4 kW in funzione del contratto di fornitura di energia."

Tuttavia, soprattutto con i 3kW di contratto, farebbe molto al caso mio una wallbox che moduli l'assorbimento in funzione della potenza prelevata dal resto dell'impianto, per cui la riterrei indispensabile. Vedo che la scelta potrebbe ricadere sulla Zappi che però è pensata per il fotovoltaico, poi avevo letto su un altro post di una "Elli" (vado a memoria), ma non lo ritrovo. Insomma vorrei sapere se ce ne sono altre auto-modulanti (ma come si chiamano davvero quelle di questo tipo?) e quale mi consigliereste.

Quindi i miei requisiti/richieste sono:
- quale wallbox scegliere (che adatta l'assorbimento);
- quale potenza max prevedere sulla linea;
- evitare interventi/spese inutili (=,se capisco bene: passaggio a trifase, aumento oltre 6kW (?))

Potete darmi due dritte? Grazie mille! E grazie anche per la pazienza.


 fama
(@fama)
Eminent Member Registered
Registrato: 2 mesifa
Post: 46

(@sheva_70)
Trusted Member Registered
Registrato: 5 annifa
Post: 60
27/08/2020 8:25 am  

@angus  parli di presa condominiale...devi prima verificare se il tuo condominio è soggetto a Certificato Preventivo Antincendio. Nel caso sei costretto a mettere la wallbox e collegarla alla bobina di sgancio del condominio, ergo rivolgersi ad un professionista per progetto e certificazione da inviare all'amministratore per adeguamento Certificato Preventivo Antincendio.

Io sono in quelle condizioni ed ho messo Pulsar Plus che permette di regolare la corrente di ricarica via app e naturalmente monitore i consumi e programmare le sessioni di ricarica.

Ho fatto un lavoro spero definitivo, installando una linea dedicata alla ricarica  che parte direttamente dal contatore portato a 6 kW ma al max uso 20A (4.4 kW) che mi permettono di ricaricare di notte dalle 23 alle 7 dal 20 al 40% della batteria, anche in ottica aggiunta di una seconda auto elettrica o moto/ciclomotore quindi cavo da 10 e differenziale magnetotermico Tipo A, perchè la Pulsar Plus è già protetta al suo interno. Per darti un'idea io con M3 LR AWD faccio col 20% circa 80 km giornalieri.

Io farei un lavoro a regola d'arte anche se non sei soggetto a certificato preventivo antincendio evitando di sottodimensionare. 

Considera poi che le spese le detrai al 50% in 10 anni se fatte da sole (anche l'aumento di potenza del contatore) o al 110% in 5 anni se hai la possibilità di inserirle insieme ai lavori di adeguamento della casa di due classi energetiche.

 


(@angus)
Eminent Member Registered
Registrato: 1 mesefa
Post: 28
27/08/2020 9:54 am  

@sheva_70 Grazie mille per tutto, sì sapevo del CPI  ma non che mi obbligasse a prendere la wallbox, hai un riferimento per questo?

Mi resta da capire quale wallbox scegliere, la Pulsar Plus si autoregola? [EDIT: vedo che con l'opzione power boost lo fa]

ciao e grazie,
Angus


(@sheva_70)
Trusted Member Registered
Registrato: 5 annifa
Post: 60
27/08/2020 10:39 am  

@angus la Pulsar Plus la regoli tu dalla sua app col telefono o da internet, hai una rotella dove selezioni rapidamente la corrente che vuoi far erogare dalla wallbox. Se vuoi che questo avvenga automaticamente (in base al consumo  che hai in casa) devi montare degli optionals tipo il powermeter e seguire le indicazioni per l'installazione. Può essere anche fatto dopo, io non l'ho fatto, regolo da app e per ora mi va bene così, poi l'auto, programmando l'ora di partenza si gestisce la curva di ricarica da sola nella notte e la colonnina satura la corrente max.

Il discorso dell'obbligo lo vedi nell'allegato ovvero la circolare esplicativa dei vigili del fuoco con le linee guida da seguire per fare tutto "a regola d'arte"

 


(@ilsecco)
Trusted Member Registered
Registrato: 1 annofa
Post: 60
27/08/2020 1:10 pm  

sono in procinto di installare il fotovoltaico e vorrei approfittare per installare una wallbox. andrebbe posizionata (per evitare discussioni) all'interno del vano contatori del condominio che si trova esternamente davanti a parcheggi liberi (comprensorio di 6 villini). per ragioni di spazio deve essere molto piccola e senza cavo. il mio installatore mi ha suggerito la QUBEV semplicissima e molto economica. fino ad oggi (8 mesi e 27.000 km) fra tessere e SUC, mai avuto problemi o ansie da ricarica, quindi la wallbox è importante ma non vitale. qualcuno conosce il prodotto? può andare bene?

volevo mettere un link alla scheda del prodotto, ma non so se è possibile (maschero la mia pochezza informatica con il rispetto del regolamento Sweaty ).

Spero in consigli economicamente moderati dato che l'ultimo vostro aiuto (leggasi post "aiutatemi a non comprarla") mi ha reso povero come un senzatetto......ma felice come un bambino Inlove  


TeslaTeo hanno apprezzato
(@angus)
Eminent Member Registered
Registrato: 1 mesefa
Post: 28
08/09/2020 3:16 pm  
Postato da: @sheva_70

@angus la Pulsar Plus la regoli tu dalla sua app col telefono o da internet, hai una rotella dove selezioni rapidamente la corrente che vuoi far erogare dalla wallbox. Se vuoi che questo avvenga automaticamente (in base al consumo  che hai in casa) devi montare degli optionals tipo il powermeter e seguire le indicazioni per l'installazione. Può essere anche fatto dopo, io non l'ho fatto, regolo da app e per ora mi va bene così, poi l'auto, programmando l'ora di partenza si gestisce la curva di ricarica da sola nella notte e la colonnina satura la corrente max.

Il discorso dell'obbligo lo vedi nell'allegato ovvero la circolare esplicativa dei vigili del fuoco con le linee guida da seguire per fare tutto "a regola d'arte"

 

Grazie, ho letto il PDF e da quanto capisco il punto è in questione è a pag. 5 quando dice che la stazione di ricarica deve

"2. utilizzare un modo di carica Modo 3 o Modo 4, come definiti al p.to 2.10;"

Quindi sarebbe vietato usare anche una presa industriale blu 32A con il IP-CPD (modo 2)? Ma allora di fatto oltre al modo 1 è vietato anche il modo 2, altrimenti quando è consentito? Lo chiedo perché dopo essermi studiato tutto avevo deciso di mettere la CEE 32A a fianco alla wallbox, da usare come backup se la wb non funzionasse... invece ho sbagliato tutto? 🙁

NB naturalmente tutto ciò mi serve per dire esattamente a un elettricista qualificato cosa fare... il lavoro lo fa e lo certifica lui, ma vorrei prima di tutto avere le idee chiare io.

Grazie per la pazienza, ciao ciao

Angus


(@sheva_70)
Trusted Member Registered
Registrato: 5 annifa
Post: 60
08/09/2020 5:01 pm  

@angus sostanzialmente se il tuo garage/proprietà è soggetta a certificato preventivo antiincendio (rischio incendio "plurimo", coinvolge più proprietari oltre a te) approvato dai vigili del fuoco devi rispettare i requisiti tecnici presenti nelle linee guida (cap 3 pagina 4 del pdf) descritte nella circolare e quindi modo 3 (cap.3.a.2 pagina 5); questo permette ai VVFF di considerare il tuo impianto di ricarica a basso impatto nei confronti del rischio incendio del tuo immobile; ne consegue che basta una integrazione al certificato esistente (punto 1 prima pagina)

Se sei soggetto a certificato preventivo antincendio ma non rispetti le linee guida ed i requisiti tecnici (punto 2 seconda pagina) devi rifare il certificato preventivo perchè hai innalzato il rischio incendio.... quindi con la certezza che per approvarti la presa di ricarica ti chiedano di modificare l'impianto rientrando nelle linee guida 

se non sei soggetto a certificato preventivo antiincendio puoi usare anche uno degli altri modi di ricarica perchè sostanzialmente sei solo e puoi decidere senza coinvolgere VVFF o altri condomini....il rischio incendio in questo caso è "individuale".

io ho capito così documentandomi ed avendo poi conferma dal tecnico che mi ha fatto progetto impianto

 

 


angus hanno apprezzato
 Noos
(@noos)
Illustrious Member Moderator
Registrato: 4 annifa
Post: 5256
08/09/2020 5:46 pm  

Questa parte si chiude, proseguiamo qui:

https://www.teslari.it/forum/ricarica/in-evidenza-come-caricare-la-tesla-part-ii/


Pagina 18 / 18
Condividi: