Forum


Nissan e-Power, oss...
 
Notifiche
Cancella tutti

Nissan e-Power, ossia cambiamo qualcosa per far sì che nulla cambi?  

Pagina 1 / 2

Post: 2098
Moderator
(@thedream)
Noble Member
Registrato: 3 annifa

Ecco la Nissan Serena e-Power. Un'auto elettrica con motore a benzina che in Giappone sta avendo un gran successo.

Qualcuno si chiederà: un'auto elettrica a benzina? Bè, nulla di straordinario, è una ibrida! Si, ma non come siamo abituati a vederle.

Come si può vedere dall'immagine qui sopra, abbiamo i veicoli elettrici (a sinistra) e quelli ibridi "tradizionali" (a destra), ossia quelli che hanno il motore termico affiancato a quello elettrico (ibrido parallelo). C'è poi l'e-Power di Nissan (al centro) che in definitiva consiste in un'auto elettrica con un Range Extender (quindi non collegato alle ruote) e dimensionato per produrre abbastanza energia elettrica per far funzionare il motore elettrico e caricare la batteria (ibrido serie).

Chevrolet aveva già proposto una soluzione simile in passato con la Volt (in seguito venduta in Europa anche come Opel Ampera), che però é pure plug-in, ossia la batteria si può ricaricare anche dalla presa elettrica. Personalmente avevo provato ed ero intenzionato a comprare questo veicolo, ma poi ho desistito in quanto percorrendo normalmente lunghe tratte in autostrada avrei avuto quasi sempre il motore a combustione acceso e questo per un veicolo elettrico mi dispiaceva. La guida è come quella di un'auto elettrica, quindi con tutti i vantaggi dell'assenza del cambio, della frenata recuperativa e della coppia sempre disponibile.

Anche BMW ha tentato una cosa simile con il Range Extender (Rex) sulla i3 (immagine sopra, a sinistra), ma non c'è riuscita totalmente. Infatti quando la batteria è scarica il generatore del Rex non ce la fa da solo a fornire abbastanza energia per far viaggiare l'auto a velocità oltre i 40-50 km/h (troppo poco spazio a disposizione per metterci un motore/generatore adattato?). Personalmente lo trovo pericoloso, soprattutto in autostrada, se ti ritrovi a "passo di lumaca".

Ora Nissan ci riprova e in Giappone sembra che la cosa piaccia; ci credo, la guida di veicoli con motore elettrico è molto più bella e rilassante! A livello di resa energetica è meglio delle ibride tradizionali in quanto la resa energetica del motore a benzina che gira in maniera costante è migliore. Questa soluzione non è stata adottata dai costruttori tradizionali probabilmente per problemi di costi e per mancanza di conoscenza sui veicoli elettrici. Nissan con la Leaf ha fatto parecchia esperienza e ha prodotto un veicolo tecnicamente interessante. Personalmente ritengo che l'assenza della possibilità di ricaricare la batteria a casa (plug-in) sia una limitazione, ma è il mio punto di vista. Probabilmente al conducente normale piacerà il fatto di non dover collegare alcun cavo e fare il pieno come d'abitudine.

Il mio ragionamento è però questo: perché si arriva oggi a una soluzione simile? È una tecnologia disponibile da parecchi anni ormai.. Potrebbe essere perché tutti coloro che girano attorno all'industria del petrolio hanno paura di perdere i loro lauti guadagni a causa del fatto che i conducenti che provano a guidare un'auto elettrica pura ne apprezzano i vantaggi (anche di durata nel tempo) e difficilmente tornerebbero su un'auto tradizionale con motore a combustione interna? Se così fosse nel giro di qualche decennio la maggior parte dei conducenti si orienterebbe sui veicoli elettrici.. facendo diminuire la richiesta di petrolio e di conseguenza diminuire i loro guadagni. Immettendo sul mercato veicoli con motori elettrici accontentano i conducenti. Se poi questi per muoversi hanno bisogno di elettricità, invece della batteria gli installiamo una "centrale elettrica" a petrolio. Il vantaggio per il conducente è che nell'uso quotidiano non si accorge della differenza rispetto alle auto tradizionali (fare il pieno, parcheggiarla, ...) visto che non deve preoccuparsi di trovare una presa o una colonnina a cui collegarsi e ha comunque tutti i vantaggi della trazione elettrica nella guida. Tutti quelli che traggono vantaggi dall'industria del petrolio continueranno a farlo e, come si dice nelle favole per i bambini, tutti vissero felici e contenti! 

Io però concluderei questo articolo con una citazione di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, ossia che per far sì che nulla cambi.. bisogna cambiare qualcosa! 

 

13 Risposte
Post: 3242
Moderator
(@zizio82)
Famed Member
Registrato: 2 annifa

Mica l'ha fatta anche Mazda con la stessa idea col motore Wankel? Forse la MX-30...

Sarà ma la vedo sempre una cosa senza senso. Mi dà sempre l'idea di un rappezzo per convincere le persone di qualcosa come che ne so la batteria a noleggio di Renault per la Zoe o la non frenata rigenerativa dell'Audi e-tron....

Risposta
Post: 229
Registered
(@laponite)
Estimable Member
Registrato: 3 annifa

C'è anche la Mitsubishi Outlander PHEV. Il termico lavora come generatore di corrente o sopra i 130 km/h o quando si richiede potenza.

Risposta
1 Risposta
Moderator
(@thedream)
Registrato: 3 annifa

Noble Member
Post: 2098

@laponite

Hai ragione, non l'ho nominata. Grazie per la precisazione.

In effetti la Outlander PHEV è una ibrida plug-in parallela/serie perché lavora come una elettrica (con Rex, quindi serie) se usata sotto i 120 km/h e come una ibrida parallela se viene usata oltre tale velocità o viene richiesta molta potenza (per esempio nei sorpassi) affiancando quindi il motore termico a quello elettrico.

Ottimo esempio di cosa sia possibile fare nei veicoli ibridi.

 

Risposta
Post: 179
Owner
(@chris1)
Estimable Member
Registrato: 2 annifa

È solamente, a mio parere, come per le ibride standard una mera attrattiva per le persone titubanti nel prendere un'auto 100% elettrica, timorosi di rimanere a piedi!

Risposta
Post: 179
Owner
(@chris1)
Estimable Member
Registrato: 2 annifa

... insomma per persone del presente e non del FUTURO come NOI TESLARI.

Risposta
Pagina 1 / 2
Condividi: