Forum


EVTUN Software ECU ...
 

EVTUN Software ECU Modificati  

Pagina 1 / 2

Post: 1242
Moderator
(@lolli_)
Noble Member
Registrato: 2 annifa

Curiosando per il web mi sono imbattuto in questo sito che dice di avere soluzioni per migliorare l'efficienza delle Tesla e anche di altri veicoli elettrici (nel caso della LEAF addirittura un aumento di potenza).

EVTUN

Ne avete mai sentito parlare? è una truffa o potrebbe essere una cosa valida?

(Alla fine si tratta dell'equivalente dei moduli aggiuntivi esistenti per le ICE.)

9 Replies
Post: 318
Founder
(@vittorio)
Reputable Member
Registrato: 2 annifa

non conosco , la prima cosa che mi lascia qualche dubbio è la frase “undetectable by dealer” su una macchina sempre connessa.

Risposta
Post: 969
Owner
(@thedream)
Prominent Member
Registrato: 2 annifa

Dopo aver dato un'occhiata al sito che hai riportato posso solo dire che secondo me è un buon modo per spillare 200€ ai proprietari di EV

Lo "scatolino" in questione in effetti altro non fa che rimappare la curva resistiva del potentiometro dell'acceletatore, modificando quindi la sensibilità del pedale alla pressione. 

Mi spiego meglio con un esempio, ma dapprima una spiegazione: un potenziometro non è altro che una resistenza variabile. Ne abbiamo tutti i giorni uno a disposizione: la famosa manopola che aumenta e diminuisce il volume della radio (non sulla Tesla, sulle vecchie radio o impianti stereo).

Esempio: al minimo un potenziometro lineare da 100'000 ohm da' 0 (zero) ohm, al 20% da' 20'000 ohm, al 50% da' 50'000 ohm e al 100% 100'000 ohm. Ammettiamo sia montato sul pedale della nostra Tesla e che questa abbia un motore da 100kW: se premo poco poco il pedale (5%) ottengo 5'000 ohm, che corrispondono (nel nostro esempio) a 5 kW di potenza del motore, se lo premo al 50% ho 50kW e via dicendo... Il comportamento dell'auto (la potenza del motore) è linearmente proporzionale alla pressione che esercito sul pedale dell'acceleratore.

Ora potrei aggiungere uno "scatolino" che faccia da "convertitore" di segnale, ossia sé premo al 5% mi da' sempre 5kW, ma al 10% mi da' solo 6kW (invece di 10 kW), al 15% 7 kW, al 20% 8 kW, al 25% 9 kW e al 30% 10 kW. Quello che otterremo sarebbe una specie di "CHILL mode" fatto in Hardware (lo "scatolino", appunto).

Giochettando con i valori posso creare la curva di risposta al pedale dell'acceleratore che voglio... poca potenza fino al 30% della pressione, costante fino al 80% e poi brutale (effetto "kickdown"). Tornando all'esterno di cui sopra: 20 kW al 40%, 30 kW al 50% (in pratica a metà corsa il pedale dell'acceletatore fa fornire al motore solo il 30% della sua potenza), quindi 40 kW al 60%, 50 kW al 70%, 60 kW al 80% e poi molto più rapidamente 70 kW al 85%, 80 kW al 90%, 90 kW al 95% e 100 kW al 100% (a "fondo" ho sempre tutta la potenza).

Conclusione: non varia la potenza dell'auto, ma come questa viene chiesta. Siccome molti non hanno una gran sensibilità sul piede, questo "accrocchio" permetterebbe di restare più costanti con l'accelerazione e quindi più economici (aumentando di conseguenza i km che possiamo percorrere). Questo spiega perché pubblicizzano "extended range".

Un altro punto è il "veleggio", ossia quando il motore non fornisce energia e non usa energia (è quando l'auto va a "ruota libera" (un po' come mettere in "N" per intendersi); anche per raggiungere questo equilibrio bisogna essere molto "fini ed accurati" con la sensibilità sul pedale dell'acceleratore e non tutti ci riescono. Se si è "nell'arancione" (gauge sul cruscotto) si consuma.. se si è "nel verde" si recupera (frenata rigenerativa), ma in entrambi i casi ci sono perdite; ora se si riuscisse a stare fra le due (in posizione "neutra", dove non si consuma né si rigenera) si avrebbe l'efficienza energetica migliore, per cui lo "scatolino" non fa altro che detettare questa situazione e mettere l'auto in una specie di "N" dove questa "veleggia"...

Tutto questo per la modica somma di 200€!

Meditate gente, meditate...

Risposta
Post: 3499
Moderator
(@scanred_x)
Famed Member
Registrato: 4 annifa

preferisco un sano allenamento ad una giusta pressione del pedale a seconda delle richieste necessarie di potenza (ossia saper ben guidare) ... piuttosto che regalare 200 soldoni per ottenere un'auto costantemente fiacca e con scarsa risposta lineare...

(e non sono tirchio, preciso...)

🙂

PS: e quindi 20 ingegneri Tesla che hanno lavorato al progetto della Tesla per anni sono del tutto inutili  - secondo l'inventore di questo scatolotto (che tra l'altro secondo me non può essere più nemmeno agganciato alla Tesla dalla versione 8 in avanti, ma se ben ricordo non accetta più variazioni dati da Obd, sempre se ben ricordo...)

Scan

Risposta
Post: 539
Owner
(@whitestar)
Honorable Member
Registrato: 1 annofa

Se questa "magic box" fosse così miracolosa, penso che Tesla avrebbe già implementato queste funzionalità in qualcuno dei suoi aggiornamenti software, o lo potrebbe tranquillamente fare in uno dei prossimi.

Diverso è il caso delle altre auto elettriche che non hanno un costante aggiornamento software OTA.

Conclusione: Per chi ha Tesla sono 200 bigliettoni sprecati che fanno più danni che benefici.  

Risposta
Pagina 1 / 2
Share: