Forum


Costo reale di un a...
 

Costo reale di un auto elettrica  

Pagina 2 / 3

Post: 611
Registered
(@onlyev70)
Honorable Member
Registrato: 12 mesifa

Be anche no, BMW (dal 2013) ha linea dedicata per la I3, ed ha anche progettato da zero il veicolo. Identico discorso per Nissan con Leaf, e Renault con ZOE (pur facendo parte dello stesso gruppo) .

Risposta
Post: 1586
Moderator
(@teslateo)
Noble Member
Registrato: 2 annifa

Il fatto che sulla model 3 ci sia la presa combo è dovuto alla sua obbligatorietà per le macchine immesse in commercio nella Comunità Europea, oltre che giustamente per renderla compatibile Praticamente con ogni standard ad oggi esistente... cosa più che giusta.

Che il futuro possa andare nella direzione da te indicata sarebbe auspicabile e condivisibile... però le politiche di lobby e di cartello a cui stiamo tristemente assistendo purtroppo non ci fanno ben sperare...

Gli operatori si adegueranno quando saranno inevitabilmente costretti a farlo dopo aver opposto tutte le resistenze possibili... purtroppo.

I tempi quindi saranno nell'ordine del decennio A mio modesto parere.

Risposta
Post: 1145
Moderator
(@cronos)
Noble Member
Registrato: 3 annifa

Non ha senso che un azienda si faccia la sua rete supercharger, io penso che anche Tesla una volta che le altre stazioni di ricarica saranno a buon punto limiterà molto la sua espansione, dato che ci sono alternative, a meno che le alternative non siano poco pratiche per vari motivi ( estremamente costose, pochi stalli, mal distribuite o simile ), alla fine è un qualcosa che si regola da solo, se i supercharger son sempre affollati -> ne fanno di più, altrimenti si fermano
per avere supercharger meno affollati vuol dire che l'alternativa è buona ( quindi a un costo decente, ben distribuita, con tanti stalli etc )

Al momento Tesla sta cercando di spiegare a tutti come dovrebbero essere fatte le cose, se gli altri stanno al passo, non ha bisogno di spiegargli niente e va bene così, se gli altri non stanno al passo è obbligata a mantenere la sua rete

Dato che degli 'altri' nessuno è avanti agli altri e tutti puntano più o meno allo stesso livello, è implicito che puntino su reti condivise, probabilmente Tesla ha ancora da insegnare per un po' di anni

Risposta
3 Risposte
Registered
(@berpaniz)
Registrato: 9 mesifa

Estimable Member
Post: 139
Postato da: Cronos

Non ha senso che un azienda si faccia la sua rete supercharger, io penso che anche Tesla una volta che le altre stazioni di ricarica saranno a buon punto limiterà molto la sua espansione, dato che ci sono alternative, a meno che le alternative non siano poco pratiche per vari motivi ( estremamente costose, pochi stalli, mal distribuite o simile ), alla fine è un qualcosa che si regola da solo, se i supercharger son sempre affollati -> ne fanno di più, altrimenti si fermano
per avere supercharger meno affollati vuol dire che l'alternativa è buona ( quindi a un costo decente, ben distribuita, con tanti stalli etc )

Al momento Tesla sta cercando di spiegare a tutti come dovrebbero essere fatte le cose, se gli altri stanno al passo, non ha bisogno di spiegargli niente e va bene così, se gli altri non stanno al passo è obbligata a mantenere la sua rete

Dato che degli 'altri' nessuno è avanti agli altri e tutti puntano più o meno allo stesso livello, è implicito che puntino su reti condivise, probabilmente Tesla ha ancora da insegnare per un po' di anni

Si sono d'accordo, voglio aggiungere un elemento in più, tempo fa ho sentito un installatore di colonnine di ricarica e mi ha detto una cosa che mi ha lasciato perplesso, in pratica una colonnina di ricarica in corrente continua da 50kw con presa Combo e Chademo più una presa AC da 22kw compresa installazione costa la bellezza di 100.000€, a me sembra uno sproposito, e poi bisogna vedere se si può fare l'allacciamento per disponibilità di linea elettrica, probabilmente con la diffusione e maggior concorrenza i prezzi di queste installazioni scenderanno, ma credo che non saranno mai bassi, quindi credo che per giustificare economicamente la diffusione massiva delle colonnine di ricarica , l'energia elettrica non potrà costare come a "Casa" sui 20c/kWh, ma si andrà, faccio un esempio sui 40c/kWh, però vorrei aggiungere una altro ragionamento, supponiamo anche che a regime la ricariche alle colonnine costi tanto portando alla situazione limite di pareggiare il costo del Gasolio/benzina a quello dell'energia elettrica, se l'auto elettrica costerà come quella a Gasolio/benzina, pur mantenendo il relativo disagio dei tempi di ricarica, ma che con 100kW secondo me sono abbastanza tollerabili, ecco nonostante tutto per me l'auto elettrica resterà concorrenziale perché il confort di guida e il minor numero di guasti / durabilità resterebbero nettamente migliori. Quindi l'ultimo ostacolo che rimane è pareggiare il costo dell'auto elettrica a quella endotermica per avere una diffusione significativa non da prefisso telefonico, poi per andare verso il 100%, li bisognerà trovare il modo di produrre energia elettrica in modo molto economico, adesso all'ingrosso l'energia elettrica costa sui 60€/MWh, bisognerebbe arrivare tipo a 10€/MWh anche meno, a quel punto anche gli Autocarri , tutti, potranno andare in elettrico, a quel punto l'era del Petrolio sarà veramente terminata.

Risposta
Registered
(@luca-mande)
Registrato: 1 annofa

Estimable Member
Post: 200
Postato da: berpaniz
Postato da: Cronos

Non ha senso che un azienda si faccia la sua rete supercharger, io penso che anche Tesla una volta che le altre stazioni di ricarica saranno a buon punto limiterà molto la sua espansione, dato che ci sono alternative, a meno che le alternative non siano poco pratiche per vari motivi ( estremamente costose, pochi stalli, mal distribuite o simile ), alla fine è un qualcosa che si regola da solo, se i supercharger son sempre affollati -> ne fanno di più, altrimenti si fermano
per avere supercharger meno affollati vuol dire che l'alternativa è buona ( quindi a un costo decente, ben distribuita, con tanti stalli etc )

Al momento Tesla sta cercando di spiegare a tutti come dovrebbero essere fatte le cose, se gli altri stanno al passo, non ha bisogno di spiegargli niente e va bene così, se gli altri non stanno al passo è obbligata a mantenere la sua rete

Dato che degli 'altri' nessuno è avanti agli altri e tutti puntano più o meno allo stesso livello, è implicito che puntino su reti condivise, probabilmente Tesla ha ancora da insegnare per un po' di anni

Si sono d'accordo, voglio aggiungere un elemento in più, tempo fa ho sentito un installatore di colonnine di ricarica e mi ha detto una cosa che mi ha lasciato perplesso, in pratica una colonnina di ricarica in corrente continua da 50kw con presa Combo e Chademo più una presa AC da 22kw compresa installazione costa la bellezza di 100.000€, a me sembra uno sproposito, e poi bisogna vedere se si può fare l'allacciamento per disponibilità di linea elettrica, probabilmente con la diffusione e maggior concorrenza i prezzi di queste installazioni scenderanno, ma credo che non saranno mai bassi, quindi credo che per giustificare economicamente la diffusione massiva delle colonnine di ricarica , l'energia elettrica non potrà costare come a "Casa" sui 20c/kWh, ma si andrà, faccio un esempio sui 40c/kWh, però vorrei aggiungere una altro ragionamento, supponiamo anche che a regime la ricariche alle colonnine costi tanto portando alla situazione limite di pareggiare il costo del Gasolio/benzina a quello dell'energia elettrica, se l'auto elettrica costerà come quella a Gasolio/benzina, pur mantenendo il relativo disagio dei tempi di ricarica, ma che con 100kW secondo me sono abbastanza tollerabili, ecco nonostante tutto per me l'auto elettrica resterà concorrenziale perché il confort di guida e il minor numero di guasti / durabilità resterebbero nettamente migliori. Quindi l'ultimo ostacolo che rimane è pareggiare il costo dell'auto elettrica a quella endotermica per avere una diffusione significativa non da prefisso telefonico, poi per andare verso il 100%, li bisognerà trovare il modo di produrre energia elettrica in modo molto economico, adesso all'ingrosso l'energia elettrica costa sui 60€/MWh, bisognerebbe arrivare tipo a 10€/MWh anche meno, a quel punto anche gli Autocarri , tutti, potranno andare in elettrico, a quel punto l'era del Petrolio sarà veramente terminata.

un noto sito che vende questo tipo di materiale ha modello similare al tuo con 2 rifornimenti (cavo incluso) da 22Kw chademo e combo + un collegamento AC da 22Kw, al costo di 19.000€
ora dubito che portare da 22 a 50KW costi 80.000€... detto questo hanno costi davvero esorbitanti..

Poi aziende come Enel e Tesla che le producono in "casa" avranno 1/20 del costo..

Risposta
Registered
(@berpaniz)
Registrato: 9 mesifa

Estimable Member
Post: 139
Postato da: luca.mande
Postato da: berpaniz

un noto sito che vende questo tipo di materiale ha modello similare al tuo con 2 rifornimenti (cavo incluso) da 22Kw chademo e combo + un collegamento AC da 22Kw, al costo di 19.000€
ora dubito che portare da 22 a 50KW costi 80.000€... detto questo hanno costi davvero esorbitanti..

Poi aziende come Enel e Tesla che le producono in "casa" avranno 1/20 del costo..

Sei sicuro che la Combo sia a 22kw AC e non già a 50kw DC? Il fatto che in mezzo oltre la maggior potenza c'è il ponte raddrizzante da AC a DC e l'elettronica di potenza che deve regolare il flusso energetico, perché in DC la colonnina spara la corrente direttamente nelle batterie e deve dialogare con la centralina dell'auto per evitare danneggiamenti, mentre in AC è il ponte raddrizzante dell'auto che si regola la potenza del flusso

Comunque 100k€ mi sembrano tanti, era comunque compreso il costo di installazione

 

Risposta
Post: 1145
Moderator
(@cronos)
Noble Member
Registrato: 3 annifa

I Tir, autocarri, furgoni di consegna e così appena possono passano tutti all'elettrico perchè non hanno problemi di percorrenza nella stragrande maggioranza dei casi, hanno delle basi precise di partenza/arrivo dove possono installare dei supercharger proprietari pagari con la loro energia, fanno una quantità assurda di km quindi si ripagano prima di subito indipendentemente dal costo upfront se hai meno manutenzione e paghi meno il carburante.. ma davvero, prima di subito

Risposta
Post: 611
Registered
(@onlyev70)
Honorable Member
Registrato: 12 mesifa

Quello che va riconosciuto a Tesla per l'elettrico, oltre all'innovazione tecnologica dei veicoli e alla continua riceca e sviluppo su questi, vedasi l'utilizzo del motore a riluttanza, più efficiente e quindi più parco nei consumi, va lodata proprio per i SuC. Saranno mal distribuiti in Italia, ma in parte si deve ringraziare Tesla, per l'espansione della rete di ricarica Enel, EVA, e Ionity. Se non ci fossero stati i SuC, probabilmente non avrebbero sentito la necesità di espandersi.

Tesla in questo è stata veramente pioniera, ed ha sempre offerto un servizio ai suoi clienti, in parte vi era obbligata, proprio per l'assenza di punto di ricarica, ma resta il fatto che se in Italia esiste la rete di ricarica odierna, in gran parte lo dobbiamo a Tesla ed al sogno pulito di Elon.

Risposta
Pagina 2 / 3
Share: