Forum


Mille chilometri al...
 

Mille chilometri al giorno  


Post: 47
 MP7
Owner
(@mp7)
Eminent Member
Registrato: 2 annifa

Buongiorno Teslari!

Oggi con una vecchia automobile a combustione interna 1.000 km/giorno si possono fare tranquillamente: basta metterla in moto e partire.

La dimensione del suo serbatoio è indifferente, perché i rapidi rifornimenti lungo il percorso non mancheranno: avremo inquinato e riscaldato ulteriormente l'aria, ma il veicolo usato avrà meritato la definizione di "automobile".

Se invece vi sta a cuore lo stato del pianeta, e volete viaggiare elettrico, occhio alla scelta: ci sono automobili elettriche ed auto elettriche "poco mobili" !

Con una Nissan Leaf, una Renault Zoe, una BMW i3, una Volkswagen e-Golf , una Jaguar i-Pace i 20/30/40 o anche 90 KWh delle rispettive batterie ed i lunghi tempi necessari per la loro ricarica non vi permetteranno di superare i 500 chilometri al giorno agevolmente.

Ottime per andare in ufficio o portare a scuola i bambini, ma non altrettanto per le vacanze o i lunghi spostamenti di lavoro.

Se quindi volete o dovete spostarvi per mille chilometri al giorno, e non volete inquinare ma ridurre i sostenitori del riscaldamento globale nel 2018 guardate a Tesla: con batterie da 75 a 100 kWh e una fantastica rete di Supercharger è l'unico produttore di auto elettriche veramente mobili.

Produttori allorodormienti, comincia a fare caldo, è ora di svegliarsi 🙂

3 Replies
Post: 947
Owner
(@thedream)
Prominent Member
Registrato: 2 annifa

Esattamente, con Tesla la mobilità è garantita, anche con le nostre "piccole" batterie da 75 kWh, proprio grazie alla rete di SuC (SuperCharger). 

Mi è già capitato di percorrere oltre 1'000 km in un giorno e posso affermare che non è un problema, basta pianificare un po' il viaggio. Con il termine pianificare intendo guardare prima dove sono ubicati i SuC e far coincidere la pausa caffè, il pranzo, il pieno (che con Tesla "cade" nel senso tradizionale), le pause WC, ... con le varie soste per caricare.

Anche con le auto a carburanti tradizionali si fanno queste pause, ma di regola se ne fanno troppo poche e si fa tutto di fretta, con il risultato di essere stressati alla guida (e non ci si accorge di esserlo!) e stanchi, soprattutto mentalmente. Inoltre troppo spesso vedo gente guidare mentre "strusa" con il telefonino.

Per chi è succube del telefonino in auto (sms, whattsapp, facebook, twitter, e-mail, ...) un consiglio: guardate il telefonino solo durante le pause e vi renderete conto di come durante questi momenti 20 minuti "passano" in fretta. Ne guadagnerete in sicurezza sulle strade per voi e... per gli altri!

Conclusione: da quando guido una Tesla la mia guida è molto più attenta, mi godo di più il viaggio, uso le pause ai SuC per connettermi a internet e fare con il telefonino le cose di cui sopra, che richiedono attenzione, arrivo a destinazione più riposato e con più sicurezza.

Risposta
Post: 611
Registered
(@onlyev70)
Honorable Member
Registrato: 1 annofa

Sicuramente con TESLA è più comodo, ma io con la mia I3 faccio tranquillamente anche 1200 Km al giorno senza grandi difficoltà. Per lavoro ultimamente vado spesso a Milano, circa 540 Km da dove vivo. Parto alle 5 arrivo per mezzogiorno, faccio quello che devo fare e riparto intorno alle 17 con la macchina completamente carica e intorno alle 21:30 sono a casa. Certo non è il massimo della comodità, ma comunque è fattibile. Con le stazioni EVA+ in 40 minuti fai il pieno, e sono circa 220 km, dosando l'acceleratore e con temperature favorevoli. Con Tesla è tutto un'altro discorso sicuramente, puoi anche stare meno attento e permetterti percorsi con salite importanti pur mantenendo una certa tranquilità, ma sono anche  macchine appartenenti a due segmenti ben diversi (S e X) . la 3 base con i suoi 350 Km e la sua maggiore comodità sarà sicuramente un must per molti. Tesla porta con se l'innovazione e con l'estensione della rete SC sicuramente avrà il suo perche per l'immediato futuro. In passato i SC erano a quasi esclusivo servizio del nord/nord est del paese, quindi sicuramente un dato trascurabile per chi come me abita al di sotto di Bologna.

Risposta
Post: 47
 MP7
Owner
(@mp7)
Eminent Member
Registrato: 2 annifa

@Onlyev70: qualche cosa delle tue affermazioni non mi torna: 540 km da casa a Milano la mattina in 7 ore (ai 77 km/h di media, ricariche comprese) e la sera in 4 ore e 30 (ai 120 km/h di media, ricariche comprese) ?-)

Poi la sola BMW i3 con oltre 300 km di autonomia è quella col range extender, che è un motore a benzina che ricarica la batteria durante il viaggio: in questo caso non si tratta di auto “OnlyEV”, e non avresti neppure dovuto iniziare a scriverlo, il tuo commento.

La BMW i3 solo elettrica ha una autonomia di 200 km (come dichiarato dalla stessa BMW su https://www.bmw.it/it/gamma/bmw-i/i3/2017/autonomia-ricarica-ed-efficienza.html ), e ricarica altri 200 km di autonomia in 39 minuti.

In questo caso, ammettendo che il tuo viaggio si sviluppi ai 100 km/h di media, partendo alle 5 di mattina alle 7.00 avrai la batteria a zero, e sarai proprio arrivato di fronte ad una EVA+ libera e funzionante, ripartendo alle 7 e 40; dopo altre 2 ore sarai arrivato con batteria a zero di nuovo di fronte ad un’altra EVA+ libera e funzionante, e ripartirai alle 10 e 20; poi avrai ancora altri 140 km d fare, arrivando a Milano proprio alle 12.00.

Naturalmente a Milano ti sarai fermato di fronte ad un’altra EVA+ libera e funzionante, ed alle 17, ripartendo con la stessa fortunata sequenza della mattina (ma non le stesse EVA+, perchè l’ultima della mattina è a 140 km da Milano, la prima del pomeriggio è a 200…) arriverai a casa tua alle 24.00 🙂

1.000 km al giorno con una BMW i3 senza grandi difficoltà?

Se giri veramente in elettrico ti renderai conto da solo che che le fortunate coincidenze come quelle di una sola delle due tratte capitano con la stessa frequenza delle vincite alla lotteria 🙂

Risposta
Share: