Forum


Reset pad e mancato...
 
Notifiche
Cancella tutti

Reset pad e mancato conteggio chilometri  

Pagina 2 / 3

Post: 4485
Newsmodder
(@scanred_x)
Famed Member
Registrato: 5 annifa

Se posso consigliarti, o la tieni come è, oppure giustamente devi prendere un appuntamento al service di Tesla e portargli la macchina per la riparazione.

Noi qui possiamo aiutarti con i consigli, siamo un club non una officina, e finché non interviene direttamente il service, la macchina da sola non si ripara...

Con la massima solidarietà sia chiaro ma non penso di avere altri consigli visto il perdurare del guasto  nonostante i suggerimenti conosciuti

Scan

Risposta
1 Risposta
Registered
(@legua)
Registrato: 9 mesifa

Eminent Member
Post: 28

@scanred_x

l'appuntamento è appunto ciò che stò aspettando; altrettanto il sapere il costo per l'intervento che credo sia una informazione dovuta.

È ovvio che il forum non è un'officina, ma altrettanto ovvio è che sia il luogo virtuale nel quale scambiarsi le proprie esperienze, positive o negative che siano.

E appunto questo è quello che ho fatto; con l'ultimo post non ho chiesto consigli ma ho solamente aggiornato sulla situazione.

Risposta
Post: 4485
Newsmodder
(@scanred_x)
Famed Member
Registrato: 5 annifa

@legua

Nel tuo precedente post, parlavi di attendere i preventivi, non dell'appuntamento in officina, da qui nasce l' equivoco.

il mio consiglio è il solito: tramite app fissa un appuntamento con un service o lo cambi,  quando ti richiamano conferma la prima data possibile in modo che vai direttamente in officina e lì direttamente concordi l'intervento e i costi. È l'unica strada, scrivere  non serve a nulla...

Un consiglio comunque lo posso dare in generale, in attesa del service:

Oltre ai eliminare le destinazioni sia quelle recenti sia quelle preferite, azzerate anche i contatori viaggi km, sia il parziale sia il generale. Si liberano i Cluster sul quale la scheda non riesce a scrivere di nuovo...

Infine un commento: qui c'è sempre la più ampia libertà di parola e si condividono tutte le esperienze. Provate però a scrivere sul forum della BMW che la Tesla è più affidabile. Provate. 

il mio pensiero è che è lecito esprimere e condividere un'esperienza ma dare giudizi inferendo dalla propria singola posizione un giudizio generale non mi pare corretto... Comunque provate sul sito BMW a parlare bene di Tesla e male della BMW...

Scan

Risposta
2 Risposte
Registered
(@legua)
Registrato: 9 mesifa

Eminent Member
Post: 28

@scanred_x

concordo su quanto hai detto in merito alla libertà del forum e lungi da me ogni polemica. il mio giudizio su BMW e Tesla è dettato esclusivamente dall'esperienza personale e, detto questo, continuo a preferire un'auto elettrica rispetto ad una a combustione.

Ciò non toglie che l'assistenza deve comunque essere garantita per legge per qualsiasi prodotto in tempi ragionevoli (a maggior ragione per beni indispensabili come l'auto) e che non debba conoscere il costo dopo che ho effettuato l'intervento.

Credo, e lo dico in punta di piedi perchè non sono il proprietario, che questo non sia il sito ufficiale Tesla e che quindi la libertà di esprimere giudizi (che nessuno mi ha negato, sia chiaro), anche negativi, deve essere sottointesa. Che poi sul sito o forum BMW non si possa essere liberi di risportare esperienze negative è una cosa che si commenta da sè...

Detto questo, mi piacerebbe conoscere la vostra opienione in merito al problema della memoria eMMC (che molto probabilmente è la causa del problema al mio Pad) che di fatto ha come conseguenza la mortalità programmata del prodotto che, se non erro, è esplicitamente vietata dalla normativa europea.

Risposta
Moderator
(@cronos)
Registrato: 4 annifa

Famed Member
Post: 2996

@legua

non è programmata la mortalità, quantomeno, è un po' come dire che l'iphone 5 ha una mortalità programmata perchè non riesce a far girare bene il nuovo OS..

sfortunatamente è così, è un computer.. per il resto se leggi sul forum c'è chi ha aumentato la memoria

Risposta
Post: 28
Registered
(@legua)
Eminent Member
Registrato: 9 mesifa

Non è esattamente la stessa cosa; un conto è pretendere che una data versione di hardware debba supportare futuri sistemi operativi o software, altra cosa è riscontrare (oserei dire determinare e poi spiego perchè) un guasto che impedisce l'utilizzo dopo un definito numero di operazioni.

Uso il termine determinare un guasto perchè le memorie eMMC hanno un numero ben definito di possibili operazioni di scrittura per ciascuna singola unità di memoria, superate le quali non è più possibile effettuarne altre. Da ciò ne deriva, in funzione dell'utilizzo della memoria definito da chi ha sviluppato il software (numero e frequenza dei log, modalità di gestione a rotazione delle scritture, ecc, ecc)  un numero di operazioni e quindi di vita media del sistema facilmente calcolabile. E tutto ciò non è nient'altro che mortalità programmata.

Mi occupo tutti i giorni di progettazione elettronica e sviluppo firmware di micro e conosco bene i problemi legati all'uso delle memorie flash e alla necessità di ingegnerizzare il software in modo da prevedere possibili errori di scrittura dopo almeno 10 o 20 anni di utilizzo medio/spinto. Posso quindi affermare che questo problema alla eMMc è quantomeno un errore di progettazione enorme proprio perchè facilmente prevedibile e quindi evitabile, sia con soluzioni software che hardware (removibilità).

Risposta
1 Risposta
Registered
(@andreadfc)
Registrato: 2 annifa

Trusted Member
Post: 83

Se "le memorie eMMC hanno un numero ben definito di possibili operazioni di scrittura per ciascuna singola unità di memoria, superate le quali non è più possibile effettuarne altre" e se questa è "mortalità programmata del prodotto che, se non erro, è esplicitamente vietata dalla normativa europea", allora la Comunità Europea dovrebbe impedire la vendita di memorie eMMC...

Però, ammesso e non concesso che questo ragionamento sia condivisibile, dovrebbe vietare anche la vendita, per esempio, di pile stilo AAA: è ben calcolabile la vita media della pila e quindi il momento in cui "morirà" è "programmato"...

Ti comprendo quando sostieni che un errore di progettazione è prevedibile ed evitabile, ma faccio solo notare che stai usando scorrettamente il termine "mortalità programmata": una cosa è progettare un prodotto affinché, a prescindere dal suo grado di usura, smetta di funzionare dopo un certo tempo; altra cosa è avere un prodotto che, dopo un certo numero di cicli di funzionamento (numero più o meno elevato a seconda della qualità di progettazione e costruzione), smette di funzionare per sopravvenuti guasti.

Risposta
Post: 28
Registered
(@legua)
Eminent Member
Registrato: 9 mesifa

In linea di principio concordo con quanto dici e nessun oggetto ha una vita infinita, quindi non si può ovviamente sempre parlare di mortalità programmata. Alcuni oggetti, come ad esempio le batterie, hanno una durata definita che è data dal livello tecnologico raggiunto, e quindi mediamente uguale per tutti.

Diverso invece è che, pur conoscendo il limite di durata del componente e potendo intervenire in progettazione, non si apporti alcun accorgimento che appunto ne prolunghi l'uso. Si parla quindi di mortalità programmata perchè il progettista, pur conoscendo i limiti e potendo intervenire, non lo fà o, nei casi più spudorati, progetta specificatamente per ridurre la vita dell'oggetto.

Con le batterie, che porti ad esempio, non si può allungare la durata, cosa che invece Tesla cerca di fare rispetto ad altre case con accorgimenti quali condizionamento, ecc ma con le memorie sarebbe bastato aumentarne la dimensione, ridurre i dati salvati magari non sempre necessari (log) o semplicemente facilitando la sostituzione rendendola removibile.

Risposta
1 Risposta
Moderator
(@zizio82)
Registrato: 2 annifa

Famed Member
Post: 3076

@legua

Sono anche cambiate le memorie rispetto al passato quindi hanno una maggiore vita e una dimensione maggiore per consentire appunto quello che dici. L'errore progettuale ci può stare e magari era meglio non lesinare su un componente così importante.

Che non siano stati fatte delle modifiche a riguardo ho i miei grossi dubbi ma il tempo ce lo dirà. Ad ora sembra che solo le auto + vecchie siano vittima di questo problema...

Risposta
Post: 28
Registered
(@legua)
Eminent Member
Registrato: 9 mesifa

Torno sull'argomento per il definitivo aggiornamento.

Finalmente, l'11 settembre, sono riuscito ad avere un appuntamento al SC di Peschiera Borromeo per "cercare di fare ripartire il PAD" così come i tecnici stessi di Tesla avevano suggerito di fare.

Alla persona del service che mi ha accolto, devo dire molto gentile e comprensiva, ho descritto il problema, spiegando che il PAD era di fatto bloccato con il logo Tesla di avvio e che due funzioni base dell'auto, frecce e tergi, non funzionavano nonostante il sistema permettesse la guida. Molto curioso che però le quattro frecce di emergenza funzionassero perfettamente con tanto di ticchettio e che lui stesso mi abbia detto che anche loro non sapessero bene con quale logica il sistema le gestisse. Perfetto, se l'assistenza della casa madre non sa come funzionano le cose, iniziamo bene...

Dopo circa un'ora, la stessa persona mi riferiva che non erano riusciti a risolvere il problema e che erano in attesa di avere una risposta dagli Stati Uniti per capire quali ricambi fossero necessari e, di fatto, su come intervenire. Dopo alcuni minuti, ecco la risposta ufficiale: ci sono due strade, o sostituire la scheda con la memoria che non accetta più scritture o, in alternativa, sostituire la MCU1. Per la prima opzione i tempi sono abbastanza lunghi, circa 4 mesi, mentre per la seconda circa 3 settimane / un mese. In merito ai costi invece, non hanno ancora valori definiti per la sostituzione della memoria, dovrebbero essere qualche centinaio di euro, mentre per la MCU1, rigenerata (quindi con la memoria sostituita, cioè la prima opzione) il costo "dovrebbe" essere di circa 1600 euro. In alternativa, si potrebbe sostituire la MCU1 con la MCU2 con circa 2500 euro. Faccio notare che, a parte i costi non certi, 4 mesi con auto inutilizzabile (senza frecce e tergi sarei un pericolo per me e per gli altri) sono improponibili e un mese un disagio notevole e che non capivo come fosse possibile che l'assistenza ufficiale non abbia immediatamente disponibile un pezzo fondamentale dell'auto come la MCU. La persona, che ribadisco è stata molto comprensiva, mi ha risposto che avevo ragione ma che, causa covid e conseguente lockdown della fabbrica in California, si sono trovati in carenza di pezzi anche a causa del fatto che ormai molte auto stanno mostrando il difetto causa guasto della memoria (che è risaputo dico io). Comunque, "appena disponibile le facciamo sapere". Nel frattempo, "ho vergogna a chiederlo, ma ci sarebbe da pagare l'intervento di oggi: ho fatto il minimo che potevo, sono 67 euro. Senza non posso darle l'auto". Perfetto, continuiamo benissimo, se vi mancano 60 euro per non aver risolto un problema su un'auto che ne costa almeno 100k...

Tornato a casa sconsolato e convinto di rimanere senza Tesla per almeno un mese, inizio a pensare se con il "fai da te" potrei fare qualche cosa. Mi sono documentato e, si, dato che sono del settore, potrei tentare di risolvere il problema, ma dovrei acquistare attrezzatura per 500 euro (che mi rimarrebbe) e rischiare un intervento che potrebbe essere dall'esito incerto, non tanto per la lettura dei dati dalla vecchia memoria quanto per l'operazione di dissaldatura e risaldatura del nuovo chip, del tipo BGA, che presenta qualche difficolta per via dei contatti non esposti alla vista. Tra i vari siti, trovo una pagina interessante che riporta un'analisi del problema relativo alla memoria e della possibilità di sostituzione appunto del solo chip. Tra le società, principalmente Olandesi, che offrono il servizio, viene riportato un numero di telefono di una persona che lavora per l'area Italia e Svizzera; chiamo e, in 5 minuti di spiegazioni mi viene detto come risolvere il problema: "lunedì vengo da te, in circa un'ora smonto il PAD, tolgo la memoria, ti rimonto tutto così puoi utilizzare l'auto (frecce e tergi funzionano dopo un paio di minuti dalla partenza), spedisco la memoria in Olanda, domani alle 12 la ricevono, ti tolgono il vecchio chip da 8GB e 3k di riscritture max per cella, copiano la tua memoria su un chip da 64GB con 30k scritture, saldano il nuovo chip, testano che tutto funzioni, venerdì lo ricevo e ritorno da te per il rimontaggio. Il mio costo è di 600 euro + iva, fatturabili". "Ok, ci vediamo lunedì" dico io.

E così è stato; l'auto ora funziona perfettamente e non ho perso nulla, neanche la playlist di Spotify e come ciliegina, da ferma i consumi si sono ridotti all'1% dichiarato (probabilmente la memoria difettosa creava anche questo inconveniente, avevo scritto un post nel giugno scorso. Ma non se ne accorgevano con tutti i log che hanno contribuito a esaurire le scritture ?). Ah dimenticavo un particolare, a lavoro concluso "per il pagamento, non ci sono problemi, mi fai il bonifico lunedì o appena puoi".

Ma allora mi chiedo, perchè Tesla mi vuole far pagare 1600 euro (o più, ancora non lo so) e attendere un mese (si spera) per un intervento che altri fanno per circa un terzo del costo e in un quarto del tempo? Potrebbero benissimo operare direttamente con le stesse aziende per gestire il reworking della scheda di memoria...

Per quanto mi riguarda, l'auto non l'ho avuta in comodato d'uso gratuita come ambasciatore del marchio, quindi ESIGO un adeguato servizio di assistenza ad un costo altrettanto adeguato. Il fatto di aver speso decine di migliaia di euro per l'acquisto non mi qualifica automaticamente come un cog...ne che è disposto a tutto e a buttare soldi perchè ha l'oggetto del desiderio e quindi è disposto a farsi trattare come un pollo!

Risposta
Pagina 2 / 3
Condividi: