TeslaCam e Sentry: How-To 49


Ciao a tutti,

siccome vedo che è una problematica ricorrente, provo a fare una piccola guida per la preparazione del dispositivo da utilizzare per le registrazioni delle nostre Tesla.

!!!DISCLAIMER!!!

Non sono responsabile di perdita di dati, distruzione di chiavette o dispositivi di vario genere. 

SCELTA DEL DISPOSITIVO

Tesla non mette preclusioni riguardo al dispositivo da utilizzare purchè sia abbastanza veloce per permettere la scrittura di tutte le telecamere. Allo scopo è bene utilizzare delle chiavette molto veloci o dischi SSD. Vi metto degli esempi puramente casuali:

  • Sandisk Ultra Fit
  • Sandisk iXpand
  • Sandisk Ultra Dual
  • Sandisk SSD Extreme
  • Samsung T5
  • KingDian SSD USB (Quello usato dal sottoscritto)

Questi sopra sono solo degli esempi. La raccomandazione è la velocità… le chiavette USB a basso prezzo potrebbero non funzionare corretamente.

Non vanno usate nemmeno schede SD / MicroSD tramite adattatore che con tutta probabilità non funzionano in quanto non vengono viste come storage!

Dei dispositivi menzionati sono presenti alcuni che hanno il doppio collegamento USB / Type-C | Lightning. L’utilità è la possibilità di collegare on-the-fly al cellulare e rivedere le immagini.

Per Android è presente TeslaCam / Sentry Review.

PREPARAZIONE DEL DISPOSITIVO

Qui di solito sorge il problema principale: la dimensione scelta. Nel caso di Windows, le chiavette oltre una certa dimensione non sono formattabili in FAT32 non venendo riconosciuta dalla vettura. Per semplificare la procedura usiamo lo stesso software:

FASE 1 – Download del Software

Per la preparazione useremo RUFUS, un software opensource che permette di creare chiavette per testare o installare distro Linux ma anche altri usi come in questo caso. E’ reperibile:

QUI

scorrendo nella pagina possiamo scaricare per comodità la versione Portable senza bisogno di installazione. Al primo avvio ci verrà richiesto se controllare in automatico gli update dove possiamo tranquillamente rispondere No.

FASE 2 – Formattazione dispositivo

Tipicamente il software è in grado di riconoscere in automatico i dispositivi collegati. Qui un esempio con una mia chiavetta da 32 giga.

image

Mettiamo i settaggi come da questa screenshot e premiamo Avvia. Ci apparirà un disclaimer riguardo al fatto che perderemo tutto il contenuto della chiavetta.

Utilizzando invece un SSD con molta probabilità non verrà riconosciuto ed è necessario inserire la spunta sottolineata qui sotto:

image

Manteniamo le spunte che ci sono in screenshot e premiamo Avvia. Anche in questo caso avremo il disclaimer che perderemo tutto il contenuto del disco.

FASE 3 – Creazione Cartella

Questa è la parte più facile ma dove bisogna porre attenzione. Il software delle nostre Tesla è basato su Linux e quindi è soggetto al Case Sensitive cioè le maiuscole e le minuscole.

E’ pertanto molto importante creare una nuova folder all’interno della chiavetta / disco dal nome TeslaCam

image

Conclusioni

Arrivati a questo punto è sufficiente collegare il nostro dispositivo alla nostra Tesla dove vedremo spuntare dopo poco il simbolo della CAM in alto

image

Da tenere presente come buona norma è importante, prima di fare un riavvio del software della vettura, arrestare la registrazione in modo da evitare corruzioni del dispositivo costringendoci a dover rifare tutta la procedura. Per farlo è sufficiente è tenere premuto il simbolo fino a quando il pallino rosso diventa grigio.

Sono ben accette aggiunte ed altro per arricchire la guida. Vedrò se riesco ad aggiungere qualcosa anche i Mac. Per ora penso possa bastare…

Buona giornata


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

49 commenti su “TeslaCam e Sentry: How-To

  • Riccardo

    Fantastico, finalmente quello che cercavo da mesi! Mi si è bloccata la chiavetta SanDisk Wi-Fi che avevo e da allora non sò più su che USB andare.

    Devo fare i complimenti ad Amazon perchè nonostante la usassi da 6 mesi mi ha rimborsato la spesa di acquisto.

    Ora devo solo capire che senso ha comprarla con una dimensione da 32 GB o maggiore.

    C’è un offerta Amazon:

    Sandisk iXpand USB 3.0 Unità Flash da 64 GB per iPhone e iPad

    di SanDisk

     

     

    Prezzo precedente
    43,99 €

    Prezzo in offerta:
    37,99 €

    Risparmi:
    6,00 € (14%)

     
    Tutti i prezzi includono l’IVA.

    Mi sembra interessante, ma non sò se vale la pena prenderla più grande.

    Grazie a tutti.

      • Zizio82 L'autore dell'articolo

        @alexxx

        Negli ultimi update 2020.8.x dovrebbero aver aggiungo la compatibilità ad ExFat in scrittura ovviamente anche lato auto. Il motivo è molto semplice… la difficoltà tipica di formattare un drive oltre i 32gb in Fat32 visto che Windows non te lo consente.

        Dai fai una prova non essere timido così ci riporti se va! 🤣 

        • Alexxx

          @zizio82 io non ho quella chiavetta, per il momento ho fatto una prova con una scacionissima FAT32 4GB, e naturalmente funziona. Chiedevo a Cobra proprio per avere conferma della compatibilità Tesla->exFAT. E poi comunque non me ne farei niente perché ho l’iPhone…

    • Noos

      @swisselectric

      Avrai notato che con HW 2 il sentry funziona ma non registra…… In breve se lo attivi sul UMC l’occhio di hall si illumina se qualcuno si avvicina troppo alla vettura, la nota stonata è che non registra. Per avere la registrazione occorre upgradare a HW3.

  • T.Rex

    Grazie della guida

    Anche se sono ancora in attesa dell’auto stavo iniziando a preparare il disco. Incrociando questa guida con un altra trovata su un forum americano ho iniziato a preparare lo storage per collegare sentry e libreria musicale, strutturando su un ssd da 256 giga due partizioni dedicate.

    la domanda che vorrei porvi e relativamente al file system delle partizioni; attualmente ho configurato il tutto in fat32, ma da quel che ho letto mi sembra di capire che viene supportata anche ext3 (che come FS in teoria è un po’ più “smart”). 

    La prima domanda che vi volevo porre è se il supporto si ferma a ext3 o è supportato anche ext4

    Inoltre se qualcuno ha il disco configurato in ext3 e se rispetto a fat32 avete notato problemi o miglioramenti 

     

    grazie

  • claudiobj86

    Riporto problema: per motivi a me ignoti, usando sempre la stessa chiavetta, ogni tanto mi dice:

    Idee su come risolvere? (senza cambiare la chiavetta ovviamente). Aggiungo che tale chiavetta attualmente in uso l’ho comprata dopo suggerimento di più di un utente che già la usa.

    Grazie

    • Zizio82 L'autore dell'articolo

      @claudiobj86

      Che chiavetta è? La vedo difficile che ci siano alternative alla velocità di scrittura… tu non sai alla fine il chip di memoria che c’è dentro magari è stato cambiato ed è meno performante. Vaneggio e magari non è vero… non so quanto tuning si può fare lato file system e la dimensione dei blocchi.

  • T.Rex

    @claudiobj86

    per quello il dubbio che mi veniva era legato a dei settori danneggiati; finché non vai in write su quelli potresti non avere problemi

    onestamente è un po’ che non ne uso quindi non so darvi suggerimenti per programmi specifici, ma qualche programmino free che fa verifica dell’integrità e della velocità dei supporti lo dovreste trovare senza problemi

    • claudiobj86

      Postato da: @t-rex
      per quello il dubbio che mi veniva era legato a dei settori danneggiati; finché non vai in write su quelli potresti non avere problemi
       

      allora ci riprovo e vediamo se ricapita….una nuova ri-formattazione potrebbe aiutare?

      al massimo chiedo reso amazon (anche se di sti tempi….)

  • gico

    Mi mancava l’ultimo particolare vdi disattivare il dispositivo prima di ogni reset e aggiungo upgrade del firmware

    La ssd mi stava dando problemi e così mi hanno suggerito di utilizzare questa procedura di disattivare prima del reset

    Non so ancora se adottare questa procedura risolverà il mio problema ma sto seguendo il consiglio e per ora funziona ma è passato poco tempo

    Piuttosto io avrei creduto che si sarebbe dovuto occupare l’auto da sola a disattivare il supporto di memoria prima di ogni reset o aggiornamento. Anche perché nel secondo caso si perde la possibilità di avviare l’aggiornamento da remoto se prima bisogna disattivare l’ssd

    • Zizio82 L'autore dell'articolo

      @gico
      Allora secondo me in fase di update non è necessario perchè, se penso ai processi che entrano in gioco, viene fatto un reboot in modo corretto quindi la chiavetta / disco vengono smontati in modo corretto ed immagino che nei processi di update al massimo può venire montata in read-only.
      Diverso il caso delle rotelle invece dove viene fatto un reboot poco intelligente diciamo e li il danno si può fare. Ultimamente e da quando c’è il bottone per fare la chiavetta direttamente dalla macchina, onestamente non uso + questa accortezza. Leggevo però, sulla base di un tweet di un utente a Elon, che è stata chiesta la possibilità di poter fare la multiselezione sui video da cancellare perchè se sono tanti si incasina.
      Devo sempre provare altri filesystem al posto del Fat32 come l’Ext4 + portato ai “maltrattamenti” come si discuteva tempo fa con @mikyone QUI

  • gico

    Bene quindi dici che non serve scollegarla prima di un aggiornamento. Beh in effetti sarebbe stato alquanto scomodo andare in auto nel cuore della notte solo perché è arrivata la notifica del V11 disponibile 😃